Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

A
A
A

La corsa al rialzo dei financial advisor del Regno Unito si è fermata. Ecco qualche numero che lo dimostra.

Luca Spoldi di Luca Spoldi12 settembre 2017 | 09:49

Complici le incertezze legate alla Brexit, la corsa al rialzo dei salari dei financial advisor britannici si è fermata: secondo il sito PayScale, infatti, 
la paga mediana a fine luglio 2017 era pari a 35.166 sterline all’anno, ossia appena 54 sterline in più (+0,15%) rispetto a 12 mesi prima. In frenata anche le richieste di professionisti, visto che PayScale riporta, tra i primi di maggio e fine luglio, solo tre ricerche aperte da Ameriprise Financial, da New York Life e da Morgan Stanley. La cosa non stupisce: negli ultimi mesi le attenzioni delle maggiori istituzioni finanziarie già presenti a Londra e sul territorio britannico sono state rivolte a dove riallocare il personale, nel caso probabile che tra 2 anni le società britanniche perdano l’accesso al mercato unico europeo, più che al rafforzamento degli staff nel Regno Unito. Quello che sembra non essere cambiato è il profilo lo professionale per spuntare retribuzioni più elevate: occorrono “capacità comunicativa orale-verbale e capacità di gestione delle relazioni con la clientela (customer relationship management)”. Il salario vero e proprio, nelle singole componenti, amplia la banda d’oscillazione, che ora parte dalle 18.018 sterline e arriva a 59.733 sterline (lo scorso anno si stava tra i 18.629 e i 51.736 pound), il che sembra indicare che chi entra ora deve accontentarsi di salari più bassi mentre chi ha esperienza 
(e portafogli) può ancora spuntare qualche aumento. In leggero rialzo il bonus, che va da zero a 20.388 sterline (lo scorso anno il limite superiore
 era di 19.944 pound). Un vero boom è registrato dalla compartecipazione agli utili (profit sharing) che lo scorso anno si fermava a 4.085 sterline l’anno mentre quest’anno tocca le 78.906 sterline. In compenso le commissioni non superano in media i 16mila pound (contro un massimo di 40.547 sterline l’anno passato). Il totale arriva così a 18.502-70.807 sterline, contro i 18.416- 63.248 pound del 2016, ma la modfica del peso delle diverse componenti potrebbe indicare ulteriori mutamenti nel settore, anche sotto la spinta della Fca, che vorrebbe un’unica commissione da applicare ai fondi al posto delle diverse voci di costo attuali, per aumentare la trasparenza del settore.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Ti può anche interessare

Amundi, utili da applausi nel primo trimestre

In occasione del Consiglio di amministrazione di Amundi, presieduto da Xavier Musca, che si è riuni ...

Bnl Bnp Paribas LB: il consulente diventa patrimoniale

I professionisti si evolvono ...

Truffa diamanti, le banche si difendono

Dopo il caos generato dalla diffusione sulla stampa della notizia sull’inchiesta della procura d ...