Banca Mediolanum, un trimestre in chiaroscuro

A
A
A

Discesa dell’utile trimestrale del gruppo (-47%) a causa della diminuzione delle commissioni di performance. Ma la raccolta è ancora in forte crescita(+66%)

Andrea Telara di Andrea Telara28 aprile 2016 | 14:41

RISULTATI IN CHIAROSCURO- L’utile è in calo ma la raccolta continua a essere in forte crescita. Si è chiuso così il primo trimestre dell’anno per il Gruppo Mediolanum, che oggi ha presentato i risultati sul periodo che va da gennaio a marzo del 2016 (anche se la pubblicazione dei dati non è più obbligatoria per le nuove regole introdotte nell’Unione Europea). I profitti netti consolidati si sono attestati attorno a 73,2 milioni di euro, con una discesa del 47% rispetto al primo trimestre del 2015. Colpa del calo delle commissioni di performance, che si sono ridotte sensibilmente a causa dell’andamento negativo dei mercati finanziari nei primi mesi dell’anno. Di segno opposto il dato sulla raccolta netta totale in Italia che, attraverso le attività di Banca Mediolanum, è stata invece positiva per oltre 1,722 miliardi di euro, con una crescita del 66% in rapporto al primo trimestre del 2015. La sola raccolta in fondi (che include quella realizzata attraverso le polizze unit-linked) si è attestata invece a 604 milioni di euro.

DORIS SODDISFATTO – “Sono molto soddisfatto dei dati perché abbiamo visto appunto crescere la clientela e la raccolta netta totale”, ha detto l’amministratore delegato di Banca Mediolanum, Massimo Doris. “E’ vero che c’è stato un calo dell’utile”, ha aggiunto Doris, “ma il risultato economico è stato influenzato in questo caso da un andamento del mercato debole , contro una prima parte del 2015 che è stata invece molto positiva”. Doris ha dunque invitato a guardare anche altri fattori come appunto la la crescita dei clienti e delle masse gestite che gettano le basi per il futuro”. Inoltre, l’amministratore delegato di Banca Mediolanum ha anticipato che i dati sul mese di aprile stanno dando segnali incoraggianti visto che “la raccolta è ancora forte e prosegue il trend iniziato a dicembre”.

GLI ALTRI DATI – Il totale delle masse gestite e amministrate dal gruppo Mediolanum è salito nel primo trimestre a oltre 70,85 miliardi di euro, in crescita del 2% rispetto al dato al del 31 marzo 2015 e sostanzialmente in linea con il saldo della fine dello scorso anno. Gli impieghi della banca alla clientela retail si sono attestati a quasi 6,4 miliardi di euro, in aumento del 14% sul primo trimestre dell’esercizio passato. L’incidenza dei crediti deteriorati netti sul totale crediti è molto contenuta: pari allo 0,8%, una cifra che consente al Gruppo Mediolanum di avere un Cet1 (il coefficiente che misura l solidità patrimoniale degli istuttui di credito) pari al 19,1%, uno dei più alti in tutto il sistema bancario italiano. Il numero di consulenti finanziari della banca al 31 marzo 2016 è risultato invece pari a 4.390 unità, di cui 452 fanno parte della fascia di consulenti top, dediti alla fascia di investitori classificati come private o affluent. I clienti italiani della banca al 31marzo 2016 sono invece risultati pari a 1.149.491, ovvero 20.500 in più rispetto alla fine dell’anno precedente.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, profitti con il turbo

Mediolanum, mazzata su Fininvest

Fineco e Banca Mediolanum, è arrivato il dividend day

Banca Mediolanum supera il miliardo

Bond, un super gestore per Mediolanum

Banca Mediolanum punta sull’Elite

Reti, chi domina il mercato

Banca Mediolanum, crolla l’utile ma la cedola tiene

Consulenti, ecco gli incentivi delle reti

Banca Mediolanum, fine anno (quasi) miliardario

Mediolanum: su Fininvest la spada di Damocle della UE

Novembre sorride a Banca Mediolanum

Lady Doris, un tesoro da 60 milioni

Banca Mediolanum, i certificates puntellano la raccolta

Banca Mediolanum, margine operativo in crescita del 26%

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Banca Generali vince, Banca Mediolanum prima in gestito

Banca Mediolanum, un master per i Family banker

Reti ad alto rendimento su Piazza Affari

I campioni dei dividendi delle reti

Movimenti sospetti, stop della Consob a un ex Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, l’estate fa 23

Anche Banca Mediolanum e Widiba con Google Pay

La grande festa sta per finire?

Mediolanum Investment Banking advisor per DBH Holding

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, maggio dieci e lode

Doris (B.Mediolanum): “L’incertezza può frenare i Pir”

Banca Mediolanum diventa Nomad

Banca Mediolanum, aprile a forza 12

Bimbi in ufficio a Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, pagamenti più facili con un Plick

Fininvest-Mediolanum, punto a Berlusconi

Ti può anche interessare

Da Goldman Sachs arrivano nuove obbligazioni a tasso misto

Dal 21 maggio le obbligazioni sono quotate sul Mercato Telematico delle Obbligazioni di Borsa Italia ...

Vigilanza: da Consob a Ocf, la rivoluzione si avvicina

L'authority farà la vigilanza di secondo livello: l’Ocf sarà sottoposta alla sua supervisione. ...

Consulenti: pianificazione successoria a regola d’arte

Il tema della pianificazione successoria è sempre più seguito dai consulenti finanziari, in virtù ...