Ubi Banca, utili e ricavi in calo nel trimestre

A
A
A
di Andrea Telara 12 Maggio 2016 | 14:25
Erosione dei profitti per il gruppo guidato da Victor Massiah. Pesano i tassi a zero e l’apporto al fondo di risoluzione

PROFITTI IN CALO – Ubi banca ha chiuso il primo trimestre del 2016 con un utile consolidato sotto le stime degli analisti a 42,1 milioni di euro, in calo del 44,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.Il risultato risente degli effetti del contributo versato dalla banca al fondo di risoluzione unico (quello servito per risolvere le crisi bancarie dei mesi scorsi). Si tratta ovviamente di una voce non presente nel primo trimestre del 2015, che ha influito negativamente sui conti per 21,1 milioni. Nella gestione operativa dell’istituto, c’è stato del calo del margine di interesse e soprattuttto delle attività di trading, compensato in parte dalle minori rettifiche. Il risultato netto trimestrale è inferiore alle stime degli analisti, che si attendevano invece un utile di 46 milioni.

CET-1 AL 12% CIRCA – I ricavi di Ubi sono invece scesi a 772,9 milioni di euro da 866 milioni. Più nel dettaglio, il margine di interesse ha registrato una flessione su base annua del 10% a 387,6 milioni (con però un incremento dello 0,6% su trimestre) anche per il calo della componente legata ai titoli di stato. Le commissioni nette sono invece scese lievemente dell’1,2% a 337,1 milioni.I crediti deteriorati lordi del gruppo a fine marzo erano pari a 13,5 miliardi circa (i netti ammontano invece a 9,67 miliardi) con una copertura del 37,8% (inclusi gli stralci). Le sofferenze nette ammontano invece a 4,35 miliardi circa con un copertura del 52,63% (sempre incusi gli stralci). Per quanto riguarda i ratio patrimoniali, a fine marzo il Cet-1 di Ubi si attesta al 12,07% (da 12,08% di fine dicembre) e all’11.73% a regime.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti