Mifid 2 , Bufi (Anasf) punzecchia il governo

A
A
A
di Andrea Telara 13 Settembre 2017 | 11:27
In un’intervista al magazine Focus Risparmio di Assogestioni, il presidente dell’Anasf polemizza ancora per le decisioni dell’esecutivo sulla consulenza fuori sede per gli autonomi

“Rimaniamo sorpresi del fatto che il decreto legislativo non tenga conto delle istanze portate avanti da Anasf e del parere delle Commissioni parlamentari di Camera e Senato”. Così il presidente dell’Anasf, Maurizio Bufi, lancia ancora qualche stilettata al governo sui provvedimenti legislativi che danno attuazione alla Mifid 2, la seconda edizione della direttiva europea sui servizi finanziari. L’occasione è un’intervista che Bufi ha rilasciato a Focus Risparmio, il magazine dedicato all’asset management e pubblicato da Assogestioni. Il riferimento di Bufi è chiaramente alla decisione dell’esecutivo di consentire l’offerta fuori sede (contrariamente a quanto voluto dall’Anasf) anche ai consulenti finanziari classificati come autonomi. Tuttavia, il presidente dell’Anasf ribadisce il suo giudizio sostanzialmente positivo sulla Mifid 2 e dice: “Il percorso che ha condotto al testo di recepimento della Mifid 2è stato lungo e complesso e complessivamente esprimiamo un giudizio positivo, poiché la figura del consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede risulta valorizzata, in ragione dell’ampio spettro di attività che può svolgere, coniugando insieme la consulenza al collocamento”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Conte (Anasf): “I consulenti finanziari vettori dello sviluppo”

Consulentia22, tutto sull’ultima giornata

Consulentia22: di nuovo in pista. Ecco la seconda giornata

NEWSLETTER
Iscriviti
X