CariCesena salvata dal Fondo Interbancario

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 13 Giugno 2016 | 10:28
L’organismo che tutela i depositanti sottoscriverà con 280 milioni di euro l’aumento di capitale della banca romagnola.

SALVATAGGIO DAL FONDO – Circa 280 milioni di euro. E’ la cifra che il Fondo Interbancario di tutela dei depositanti sborserà per sostenere l’aumento di capitale di CariCesena, istituto di credito che naviga da tempo in cattive acque, al pari delle 4 banche regionali fallite alla fine del 2015 (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara). Il sostegno del Fondo Interbancario (che sottoscriverà i titoli CariCesena in una forchetta di prezzo tra 10 e 80 centesimi) verrà deciso formalmente nella riunione del consiglio di amministrazione di mercoledì 15 giugno. Intanto, secondo quanto riporta il Sole24Ore, lo stesso Fondo Interbancario di tutela dei Depositanti (Fitd) si appresterebbe a dotarsi di nuove risorse per 400 milioni di euro allo scopo di sostenere altre due banche in difficoltà: la toscana Cassa di Risparmio di San Miniato e la riminese Banca Carim.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La Consob sanziona CariCesena

Multa della Consob a CariCesena

CariCesena, gli ex-vertici sotto processo

NEWSLETTER
Iscriviti
X