Poste, avanza l’iter per la seconda tranche di privatizzazione

A
A
A

Nonostante il tonfo dei mercati con la Brexit, continuano le procedure per collocamento sul mercato di un altri 29,7% della società guidata da Francesco Caio.

Andrea Telara di Andrea Telara29 giugno 2016 | 08:53

SECONDA TRANCHE – I mercati finanziari sono ballerini dopo il referendum sulla Brexit ma la seconda tranche della privatizzazione di Poste Italiane va avanti lo stesso. Come riporta il quotidiano Mf, ieri è stato depositato dal governo, presso la Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato, la procedura che definisce le modalità e i criteri di vendita di una quota del 29,7% della società. Si tratta della seconda tranche della privatizzazione dopo la prima effettuata nel novembre scorso. L’obiettivo è concludere l’operazione entro fine anno. La prima tranche della privatizzazione (35% circa) è stata completata a ottobre. Poi, qualche settimana fa, il Tesoro ha conferito un’altra quota del 35% alla Cassa Depositi e Prestiti. Tirando le somme, con la seconda tranche della privatizzazione, le partecipazioni del Tesoro in Poste Italiane saranno dunque azzerate.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, sindacati perplessi sulla retromarcia di Poste

Consulenti, grande dietrofront di Poste

Poste Italiane, Del Fante e Farina in tandem per i vertici

Ti può anche interessare

La consulenza fa il pieno di formazione

Anasf tra i protagonisti della Wiw e della I edizione del "Mese dell'Educazione Finanziaria" ...

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Risultati in chiaroscuro sul fronte dei mutui nei primi sei mesi dell’anno ...

Ubi Banca cambia volto

Arriva la nuova governance ...