Poste, avanza l’iter per la seconda tranche di privatizzazione

A
A
A
di Andrea Telara 29 Giugno 2016 | 08:53
Nonostante il tonfo dei mercati con la Brexit, continuano le procedure per collocamento sul mercato di un altri 29,7% della società guidata da Francesco Caio.

SECONDA TRANCHE – I mercati finanziari sono ballerini dopo il referendum sulla Brexit ma la seconda tranche della privatizzazione di Poste Italiane va avanti lo stesso. Come riporta il quotidiano Mf, ieri è stato depositato dal governo, presso la Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato, la procedura che definisce le modalità e i criteri di vendita di una quota del 29,7% della società. Si tratta della seconda tranche della privatizzazione dopo la prima effettuata nel novembre scorso. L’obiettivo è concludere l’operazione entro fine anno. La prima tranche della privatizzazione (35% circa) è stata completata a ottobre. Poi, qualche settimana fa, il Tesoro ha conferito un’altra quota del 35% alla Cassa Depositi e Prestiti. Tirando le somme, con la seconda tranche della privatizzazione, le partecipazioni del Tesoro in Poste Italiane saranno dunque azzerate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top Manager Reputation, sostenibilità asset fondamentale: salgono Caio, Prada e Rosso

Consulenti, sindacati perplessi sulla retromarcia di Poste

Consulenti, grande dietrofront di Poste

NEWSLETTER
Iscriviti
X