Npl, Draghi invoca la mano pubblica

A
A
A
di Andrea Telara 22 Luglio 2016 | 07:50
Il presidente della Banca Centrale Europea ha ricordato la possibilità per gli stati, in circostanze eccezionali, di aiutare gli istituti di credito con molte sofferenze

REGOLE FLESSIBILI – Aiuti di stato, seppur in casi eccezionali. E’ lo schema proposto ieri da Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea (Bce), per risolvere il problema dei non performing loan (npl), i crediti in sofferenza che zavorrano i bilanci delle banche italiane e non solo. Per Draghi, gli stati dovrebbero operare per creare un mercato continentale degli npl. Con queste dichiarazioni, il presidente della Bce ha dunque fatto intendere che le regole del bail-in sui fallimenti e le crisi bancarie non sono così rigide come sembrano a prima vista poiché lasciano spazio a un intervento pubblico.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Bce forse pronta a rottamare il Pepp

Banche, ai soci 6mld di cedole

Le tre variabili per la Germania

NEWSLETTER
Iscriviti
X