Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

A
A
A
Marco Muffato di Marco Muffato22 settembre 2017 | 09:19

Un cliente, vittima di un crac, sta valutando la rivalsa sulle banche presso cui le società del gruppo fallito detenevano i propri depositi perché entità e movimentazioni degli stessi erano irregolari e andavano quindi segnalate. Le società sono fallite: il cliente può agire oppure è prerogativa delle procedure fallimentari?

G.M., Genova

Il cliente può agire perché la fattispecie non rientra nelle cosiddette azioni di massa, che traggono origine dall’interesse dei creditori e perseguono l’obiettivo di aumentare la massa attiva di 
un fallimento reintegrandone il patrimonio. In tal caso è dovere
 del curatore attivarsi, esercitando azioni revocatorie e surrogatorie, azioni sociali di responsabilità per
i danni arrecati indistintamente dall’amministratore alla società o ai creditori sociali per l’inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell’integrità del patrimonio. Tutte queste azioni presentano un carattere indistinto sui beneficiari dell’eventuale esito positivo. Non può essere invece considerata azione di massa una pretesa che richiede l’accertamento della sussistenza di un diritto soggettivo in capo a uno o più creditori del fallimento o che necessiti dell’esame di specifici rapporti e del loro svolgimento.

E in questo caso occorre esaminare in maniera analitica
i rapporti bancari e accertare se davvero dovevano dare origine
 a segnalazioni anti-riciclaggio. Ancora: non si ha azione di massa quando l’azione è esercitabile individualmente in quanto volta a ottenere un vantaggio esclusivo e diretto del creditore nei confronti di soggetti diversi dal fallito. Infine l’azione potrebbe essere condotta anche in mancanza del fallimento del debitore, trattandosi di ipotesi di risarcimento del danno, per lo più di natura extra-contrattuale. Tali principi sono espressi dalla Cassazione con la sentenza delle Sezioni Unite 8 marzo 2006 numero 7029 e quella della prima Sezione Civile del 09 ottobre 2013 numero 22925.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Una Fideuram da record

Repulisti in casa Ubi Banca

Banco Desio, una semestrale all’insegna della solidità

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Banca Generali, gestito e assicurativo fanno bella la raccolta

Semestrali, Widiba sfonda il breakeven

Intesa Sanpaolo, wealth management in chiaroscuro

Reclutamenti, la squadra di Rebecchi è al top

Ti può anche interessare

Banca Marche e Medioleasing: la corte di appello conferma le sansazioni Consob a PwC

Dichiarato inammissibile il ricorso di Piva Fabrizio e rigettato il ricorso PwC ...

Bond cointestati, giusto ricorrere

Il lettore ha presentato ricorso all’Acf Consob per dei bond cointestati con la moglie, che però ...

Anche Widiba sposa Apple Pay

Il sistema di pagamenti mobili sarà disponibile per i clienti della banca del gruppo Mps ...