Good bank, allo studio l’asse Atlante-Apollo

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 7 Ottobre 2016 | 06:49
Lo rivela Il Sole 24Ore, secondo cui il fondo potrebbe intervenire in tandem con Ubi Banca oppure con il fondo Apollo.

NUOVI SCENARI – Il fondo Atlante è al lavoro anche sul dossier delle good bank, i quattro istituti nati dalla risoluzione di Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti. Lo rivela Il Sole 24Ore, secondo cui il fondo potrebbe intervenire in tandem con Ubi Banca oppure con il fondo Apollo. A quanto riferisce il quotidiano finanziario, la strada per Ubi sarebbe in salita, viste le perplessità della Bce su alcune condizioni poste dall’istituto guidato da Victor Massiah. Da qui l’avvio dei colloqui con Apollo, che già la scorsa estate aveva presentato un’offerta, ritenuta perà irricevibile.

L’IPOTESI – Secondo l’ipotesi, i 4,4 miliardi di non performing loans degli istituti verrebbero cartolarizzati e smobilizzati grazie all’intervento di Atlante, che potrebbe acquisire la tranche più rischiosa dei crediti, mentre la parte senior finirebbe sul mercato. Atlante, spiega Il Sole 24Ore, potrebbe acquistare i crediti al valore di libro, riducendo così l’impatto delle minusvalenze sul capitale delle quattro banche e quindi sul loro prezzo di cessione. Qui interverrebbe Apollo, che entrerebbe invece sul capitale dei quattro istituti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Atlante fa rotta verso i De Agostini

Npl, Atlante libera 1,6 miliardi

Veneto Banca, ok dell’Antitrust al fondo Atlante

NEWSLETTER
Iscriviti
X