Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

A
A
A

Secondo l’indagine Centro Einauidi–Intesa San Paolo, le famiglie che hanno puntato su prodotti di asset management è passato dall’8 al 13%.

di Redazione2 ottobre 2017 | 09:16

Una buona notizia per il mondo degli investimenti finanziari: stanno migliorando le condizioni finanziarie degli italiani e cresce il numero di famiglie che riesce a risparmiare e passa dal 40 al 43,4%. E’ tra le conclusioni più importanti emerse nell’ultima indagine sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani messa a punto dal Centro Einaudi e da Intesa Sanpaolo. Nel 21,4% dei casi il risparmio non è intenzionale mentre nel 22% dei casi il risparmio è consapevole, cioè è stato messo da parte per scopi ben precisi.

Si accumula per la pensione. Accumulare per la vecchiaia è la principale motivazione per il 20,7% del campione (in prevalenza per le persone dai 35 anni in su): un aspetto che ha spinto il risparmio previdenziale (è cresciuta di 6 punti percentuali la quota di intervistati – 17% – che ha sottoscritto un prodotto di previdenza integrativa. Il mattone resta una forma di risparmio gradita dagli intervistati: il 5% del campione ha comprato casa nell’orizzonte temporale dell’indagine, e per quasi i due terzi degli intervistati quello immobiliare continua a rappresentare un investimento sicuro.

Niente rischio e poca diversificazione. Quando dal risparmio si passa agli investimenti gli italiani continuano a preferire la sicurezza del capitale (al primo posto per il 61,9% del campione), seguita dalla liquidità (36,8%). Ben distanziate la cedola e l’aumento di valore del capitale. Continua a essere poco pratica la diversificazione, come principale strategia per mettere al sicuro il patrimonio: oltre la metà degli investitori afferma di non avere alcuna diversificazione e di impiegare l gran parte della propria ricchezza finanziaria nella stessa forma d’investimento.

Ma il risparmio gestito è in aumento. Per fortuna le forme di risparmio gestito, cioè di prodotti diversificati, sono sempre più gradite dagli italiani: la percentuale di famiglie che optano per forme di risparmio gestito sono passate dall’8 al 13%.

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Pictet, il fondo va in città

Una semestrale Mirabaudlante

Lazard AM, cambia la direzione

Fidelity e la forza del Dragone

Investimenti, sugli emergenti non pesa la sfida commerciale

Asset allocation, Einstein (e Leonardo) in spiaggia

Investimenti: Lira turca, l’emergenza continua

Investec AM, si aggiorna la gamma degli alternativi

Asset allocation, tentazione emergente

Cari gestori, cambiate le commissioni

Anima, raccolta ok e masse gestite al top

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Crescita a due cifre per Aviva in Italia

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Sull’etf splende il Sol Levante

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Comgest sceglie l’analista Hyuga

Etf, la tattica paga di meno

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

iShares, l’era del model portfolio

Axa IM sim, cambia il servizio non la sostanza

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

Syz mette su massa

Contenere il rischio è l’obiettivo

La raccolta ci mette l’Anima

Ti può anche interessare

Anasf cambia casa

L'associazione alle prese con il trasloco degli uffici milanesi ...

Mifid 2, per i consulenti arriva l’X-Guru

Si tratta della prima piattaforma di profilazione dei clienti di supporto alla consulenza con un app ...

Stop della Consob a un cf ex Fineco

Il consulente avrebbe acquisito la disponibilità di somme di denaro di pertinenza della clientela e ...