Il conto corrente di base arriva sul serio. Per legge.          

A
A
A

Dopo oltre cinque anni di esistenza solo sulla carta, è stato l’obbligo di legge per far davvero mettere a disposizione della clientela un conto con operatività e costi limitati.

Marco Muffato di Marco Muffato3 ottobre 2017 | 08:20

Domanda. Un mio cliente fa pochissime operazioni e non vuole pagare i costi di un conto corrente normale. Cosa posso suggerirgli, dato che sinceramente non ho un conto corrente di base da offrire?

G.F., Roma

Risposta. Adesso il conto corrente di base lo avrà per forza anche il nostro lettore cf. Un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 25 giugno ha infatti recepito la Direttiva UE denominata Pad (Payment Account Directive) e ha introdotto norme per il conto base, la comparabilità dei costi e il controllo delle spese dei conti già aperti attraverso una maggiore trasparenza informativa.  Si tratta dello stesso decreto che ha finalmente attuatoSportello Advisory il Decreto Legge 3/2015 di cui abbiamo scritto (leggi qui in relazione al trasloco dei conti correnti e dei dossier titoli. Alcuni contenuti della Direttiva erano già esistenti in Italia, ed anzi sono stati usati nella stesura della Direttiva UE. Il conto corrente bancario di base, istituito addirittura nel 2012 (e el tempo c’erano stati numerosi tentativi, anche assai prima) ma in realtà sconosciuto per l’ovvio comportamento delle banche di nasconderlo al pubblico, è stato ora inserito quale vero e proprio obbligo a carico degli istituti previsto dal Testo Unico Bancario. La decorrenza dell’obbligo è il prossimo 14 ottobre. Tutti glli intermediari dovranno obbligatoriamente prevedere il conto di base nella loro offerta alla clientela, e dovrà essere previsto un numero predefinito di operazioni annue a fronte di un canone omnicomprensivo. L’ammontare del canone dovrà essere “ragionevole” (su tale termine è ovvio ci sarà battaglia) mentre ad alcune categorie svantaggiate che saranno a breve individuate il conto dovrà essere offerto senza spesa alcuna. La versione 2012 lo prevedeva per soggetti con reddito ISEE annuo inferiore a 8.000 euro e per pensioni fino a 18.000 euro annui lordi inclusa la tredicesima o eventuali mensilità aggiuntive. L’obbligo del conto di base viene accompagnato dall’aumento della possibilità di confrontare le offerte ed i costi dei prodotti. È infatti sancito l’obbligo per gli istituti di partecipare ad uno o più siti web costituiti da associazioni di categoria o da associazioni di consumatori. La piena operatività di tale norma si raggiungerà all’inizio del prossimo anno.

Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Ti può anche interessare

Anasf, una borsa di studio per gli universitari

Previsto un assegno da 3mila euro riservato a chi studia materie economiche in qualsiasi ateneo ita ...

Consulenti, come vivere di rendita

E’ un sogno ad occhi aperti, realizzato da pochi, ma raggiungibile. In primo luogo però occorre u ...

Mifid 2 e fintech a portata di click

Ritorna Investments on the web, il webinar di Bfc ...