Rinvio a giudizio per Zonin, gli avvocati: massima fiducia nella magistratura

A
A
A
di Redazione 4 Ottobre 2017 | 09:35
I difensori riconfermano l’assoluta disponibilità di Zonin a chiarire la propria posizione e fornire una ricostruzione accurata dei fatti.

“I difensori di Gianni Zonin prendono atto della decisione assunta oggi (martedì 3 ottobre, n.d.r.) dalla Procura di Vicenza in merito al rinvio a giudizio degli ex vertici di Banca Popolare di Vicenza e dell’istituto stesso. A nome del proprio assistito, i difensori desiderano esprimere la massima fiducia nel lavoro della magistratura e riconfermare l’assoluta disponibilità di Gianni Zonin a chiarire la propria posizione e a fornire una ricostruzione accurata dei fatti accaduti, ribadendo quanto già dichiarato in passato, in sede processuale”. Queste le parole affidate a un comunicato stampa nella serata di martedì 3 ottobre dagli avvocati Enrico Ambrosetti e Nerio Diodà.

Il comunicato è stato diffuso dopo che, come ha riferito l’agenzia di stampa Ansa, la Procura di Vicenza ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex presidente Gianni Zonin e per altri sei ex dirigenti della Banca Popolare di Vicenza, al termine dell’inchiesta per ostacolo all’attività di vigilanza, aggiotaggio e falso in prospetto. Con Zonin è stato chiesto al gup il processo per Giuseppe Zigliotto, Samuel Sorato, Emanuele Giustini, Andrea Piazzetta, Paolo Marin, Massimiliano Pellegrini, e la stessa Bpvi. Per i primi due reati, aggiunge sempre l’Ansa, la Procura chiede sia chiamata in giudizio la stessa banca in liquidazione, in base alla legge sulla responsabilità amministrativa degli enti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La politica non ne parla, ma il debito pubblico italiano continua a lievitare

Popolare di Vicenza, i pm chiedono l’insolvenza

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

NEWSLETTER
Iscriviti
X