Doris, un tesoro da 100 milioni

A
A
A

Completato l’aumento di capitale di H-Invest, cassaforte del presidente di Banca Mediolanum

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino24 ottobre 2017 | 08:30

La cassaforte di Ennio Doris (nella foto) è ancora più forte. Qualche giorno fa, infatti, è stato depositato l’elenco soci aggiornato di H-Invest, holding del fondatore e presidente di Banca Mediolanum e controllata attraverso Fin.Prog. Italia. Il libro soci riporta che il capitale versato e sottoscritto è salito a 100 milioni di euro dai 20 milioni dello scorso agosto.

All’inizio di quel mese, infatti, si era svolta un’assemblea straordinaria alla quale si era presentato Maurizio Carfagna, amministratore delegato di H-Invest (e che fra l’altro per conto di Mediolanum siede nel consiglio d’amministrazione di Mediobanca) che aveva varato un aumento di capitale da 20 a 100 milioni di euro. La ricapitalizzazione doveva avvenire in denaro entro il successivo settembre, mediante la sottoscrizione di 80 milioni di nuove nuove azioni da 1 euro cadauna. Cosa che è puntualmente avvenuta.

Perché Doris ha sentito il bisogno di ricapitalizzare una società solida, che ha un patrimonio netto di oltre 33 milioni? Una spiegazione è che le nuove risorse servano all’acquisto di altri titoli Mediaset, di proprietà della Fininvest di Silvio Berlusconi, socio di Doris, ancora in lotta con la Vivendi di Vincent Bolloré. O che possano preludere all’acquisto di azioni della stessa Banca Mediolanum se l’ex premier fosse costretto a vendere.
Ma non è da escludere che il rafforzamento di H-Invest sia prodromico anche all’acquisizione di quote di una banca d’affari. «Siamo nati come banca – ha detto Doris all’ultima convention di Banca Mediolanum – e vogliamo diventare la prima banca d’affari per le piccole e medie imprese. Il mio obiettivo è diventare la prima banca d’affari per le pmi per sostenere le eccellenze nel mondo. Porteremo la banca d’affari in casa dei clienti, come abbiamo già portato in casa dei privati la banca».


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, raccolta negativa a settembre

Doris, altri 1,7 milioni su Mediobanca

Doris (Banca Mediolanum): “La Mifid 2? Valorizzerà la consulenza finanziaria”

Ti può anche interessare

Banca Generali: al via il primo certificate a capitale protetto

Parte oggi BG Equity Protection 100%, il certificato interamente garantito per la rete di Banca Gene ...

Mutui, una montagna di rate non pagate

Con la crisi che fa la voce grossa ormai da anni, onorare pagamenti e scadenze sembra essere div ...

Azimut, Giuliani punta oltre i 300 milioni

Il presidente alza l'asticella del target per l'utile ...