SocGen sostiene i progetti green

A
A
A
Avatar di Redazione26 ottobre 2017 | 17:27

Dal 10 al 17 di ottobre, due obbligazioni green zero coupon emesse da International Finance Corporation (IFC) sono state distribuite sul mercato primario. Si tratta della prima emissione in Italia di questo ente sovranazionale, che fa parte del Gruppo World Bank ed è il più grande organismo a livello globale che focalizza la propria attività sul settore privato nei Paesi in via di sviluppo e che per il 2017 ha programmi di finanziamento per un valore di USD 17 miliardi.

Denominate in Lira Turca e Real Brasiliano, le due obbligazioni consentiranno la raccolta di nuovi capitali per il finanziamento di progetti green di IFC e consentono agli investitori di prendere posizione sulle valute ad alto rendimento di Turchia e Brasile, attraverso un’obbligazione emessa da un ente sovranazionale.
IFC, infatti, ha il rating massimo attribuito dalle principali società di rating (AAA Standard & Poor’s, Aaa Moody’s e AAA Fitch) e le sue emissioni non sono soggette a bail-in, prevedendo inoltre una fiscalità agevolata al 12,5%.

L’offerta delle due obbligazioni sovranazionali sul mercato primario è stata curata da Societe Generale in qualità di Dealer e si è conclusa il 17 ottobre. Le obbligazioni sono quotate dal 25 ottobre 2017 sul mercato MOT- segmento EuroMOT di Borsa Italiana e sono incluse nella lista dei green e social bond stilata da Borsa Italiana.

CARATTERISTICHE DELLE OBBLIGAZIONI.

Le obbligazioni green di IFC, denominate in Lira turca (TRY) e Real brasiliano (BRL), si caratterizzano per una scadenza contenuta, 18 mesi, e per il formato Zero Coupon: sono quindi prive di cedole e la remunerazione è data dalla differenza tra l’importo di rimborso a scadenza e il prezzo di acquisto. In particolare, il prezzo di emissione dell’obbligazione denominata in TRY è pari all’88% del suo Valore Nominale, mentre quella denominata in BRL ha un prezzo di emissione pari al 94% del suo Valore Nominale.
Alla data di scadenza, l’investitore riceverà il 100% del Valore Nominale che è espresso nella valuta di emissione, quindi TRY o BRL a seconda dell’obbligazione.

Le obbligazioni sono denominate nella valuta emergente (TRY o BRL) mentre il Prezzo di Emissione, l’importo di rimborso nonché le operazioni di acquisto e vendita sul mercato secondario sono tutti regolati in Euro, convertendo la valuta emergente in Euro senza commissioni di cambio valuta. Le obbligazioni non sono a capitale garantito in Euro ed il loro rendimento dipende dalle variazioni del tasso di cambio tra la valuta emergente e l’Euro, tasso che potrebbe essere oggetto di un’elevata volatilità in caso di deterioramento della situazione economica o politica del paese emergente. Un apprezzamento dell’Euro rispetto alla valuta emergente avrà un impatto negativo sul rendimento effettivo delle obbligazioni, e viceversa un deprezzamento dell’Euro rispetto alla valuta emergente avrà un impatto positivo sul rendimento effettivo delle obbligazioni.

Viste le loro caratteristiche, le obbligazioni di IFC sono utilizzabili in un’ottica di diversificazione valutaria, grazie anche al vantaggio della scadenza a breve termine: quest’ultima, infatti, consente di mitigare il rischio a cui un’asset class volatile, come quella delle valute emergenti, potrebbe esporre l’investitore. In quanto zero coupon, inoltre, l’investimento minimo necessario è inferiore rispetto a un’obbligazione tradizionale.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

SocGen-Unicredit, niente colloqui

Societe Generale, nuove nomine nel Global Market in Italia

Societe Generale quota i nuovi Certificati StayUP e StayDOWN

Societe Generale, 13 nuovi Certificati a Leva Fissa in arrivo

Obbligazioni, SocGen: nuova obbligazione SG Positive Impact Finance

Fusione Unicredit-SocGen: Mustier attacca la politica

Certificati, Société Générale a tutto Ftse mib

Gestori, un 2019 con tante sfide e opportunità

Societe Generale, talent scout nel fintech

100 nuovi Corridor per Societe Generale

Certificati, invasione di Recovery Bonus Cap sul Sedex

Societe Generale, Abitbol a capo dei Securities Services

Utile e ricavi in crescita per Socgen

La previdenza dei commercialisti ancora con Societe Generale SS

Da SocGen due obbligazioni in lira turca con protezione in euro

Settebello per SocGen sul Sedex

SocGen, pancia piena di blue chip

SG, emissione monstre sul Sedex

46 corridor per SocGen

SoGen ha i titoli per Byblos

Societe Generale quota cinque certificati Cash Collect

Societe Generale quota sul Sedex 49 nuovi Corridor

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Societe Generale quota sul SeDeX cinque certificati Cash Collect Protection PLUS+

Societe Generale, Guadagnino a capo del debt capital markets in Italia

Societe Generale presenta i nuovi certificati Corridor

Societe Generale: dal 10 luglio raggruppamento dei certificati a leva fissa +/- 7x sul Ftse Mib con l’attribuzione di nuovi Isin

Societe Generale punta sulla Positive Impact Finance

Societe Generale, maxi emissione di covered warrant

Societe Generale quota nove Etc in Borsa Italiana

Societe Generale quota i primi certificati Express Plus+ su valute emergenti

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

SocGen, utile in calo e ricavi in crescita nel primo trimestre

Ti può anche interessare

Rendiconti Mifid 2: la versione di Binck

Nuova puntata dedicata ai rendiconti Mifid 2. Questa volta vi proponiamo quelli di Binck Italia, inv ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Pir assassinati, fondi pensione

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

BFC Education – BlueAdvisor, Puntata 15. Nuovi scenari nella formazione per i consulenti finanziari

Venerdì 1° marzo su Reteconomy alle 22.30 andrà in onda in prima TV la quindicesima puntata di ...