Reti, raccolta positiva ma in frenata

A
A
A

Nel mese di settembre i network di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede ha registrato flussi netti pari a 1,4 miliardi di euro.

Andrea Telara di Andrea Telara31 ottobre 2017 | 11:20

Più di 1,4 miliardi di euro. A tanto ammonta la raccolta realizzata nel mese di settembre dalle reti di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede. Si tratta di un dato positivo, ma in frenata rispetto al risultato record di 2,9 miliardi di agosto. Gli investimenti netti sui prodotti del risparmio gestito, secondo le rilevazioni di Assoreti,  a settembre ammontano a più di 1,1 miliardi di euro, rappresentando circa l’80% della raccolta totale, mentre il saldo delle movimentazioni sui prodotti amministrati è positivo per 296 milioni di euro.
La raccolta netta realizzata sul gestito coinvolge principalmente il comparto assicurativo/previdenziale (613 milioni) e gli Oicr (516 milioni). I premi netti investiti sui soli prodotti assicurativi ammontano a 551 milioni di euro, frutto della delle unit linked (258 milioni di euro) e delle polizze multi-ramo (230 milioni di euro). La distribuzione diretta di quote di Oicr si concentra invecec sulle gestioni collettive aperte di diritto estero (426 milioni di euro), mentre le movimentazioni sugli Oicr di diritto italiano evidenziano la prevalenza delle sottoscrizioni per 107 milioni di euro. Più contenuto il bilancio mensile delle gestioni patrimoniali individuali, pari a 19 milioni di euro; gli investimenti netti realizzati sulle Gestioni Patrimoniali in Fondi (240 milioni) compensano le uscite registrate invece sulle Gestioni Patrimoniali Mobiliari (-221 milioni di euro).
Il contributo mensile delle reti al sistema di Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si attesta su 1,3 miliardi di euro, pari al 49% delle risorse nette totali confluite nel sistema fondi (2,6 miliardi di euro). Dall’ inizio dell’ anno, l’apporto delle reti sale, così, a 23,2 miliardi di euro, rappresentando il 40% degli investimenti netti complessivi realizzati sulle gestioni collettive aperte (57,4 miliardi di euro).
La raccolta netta realizzata sui titoli in regime amministrato è positiva per 220 milioni di euro. I datievidenziano la prevalenza degli ordini di acquisto sulle obbligazioni, sui titoli di Stato e sugli exchange traded products (etp), mentre le vendite prevalgono sulle azioni, sui certificates e sugli strumenti del mercato monetario. Il saldo della liquidità è positivo per 76 milioni di euro.
A fine mese i clienti primi intestatari dei contratti salgono a 3,98 milioni circa. Il numero di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, con mandato dalle società rientranti nell’indagine dell’Assoreti, è pari a 22.447 unità (24.986 unità per l’intera compagine – dato stimato). D questi, 22.137 unità risultano effettivamente operative con portafoglio maggiore di zero.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Raccolta: maggio sprint per ISPB. Mossa re del gestito

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Anasf-Assoreti, accordi e disaccordi

Raccolta, Mossa siede sul trono di aprile

Assoreti: ad aprile la raccolta ringrazia gli assicurativi

Reti, patrimonio in crescita 

Reti: a marzo Fineco batte Fideuram al fotofinish

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

Reti, più clienti e un po’ di consulenti in meno

Reti, a Foti il trono della raccolta di febbraio

Consulenti, rinvio in vista per i rendiconti Mifid 2

Assoreti: il 2018 è la vera prova di forza dei cf

Assoreti, a novembre riparte la raccolta

Assoreti, l’amministrato spinge la raccolta a ottobre

Assoreti, cresce il patrimonio a settembre

Allarme reti, gestito in rosso dopo due anni e mezzo

Reti, il gestito torna a sorridere

Tra Anasf e Assoreti serve più dialogo

Catania (McKinsey): “Valorizzare il ruolo del consulente”

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Assoreti, il debutto di Molesini

J’accuse Anasf, Santorsola: “Non è un sindacato”

Consulenza, le sfide del futuro al convegno Assoreti

Fideuram ISPB vince la tappa, Mediolanum prima in gestito

Reti, amministrato meglio del gestito a luglio

Consulenza, la formazione al servizio dell’industria

Procapite, vincono Bnl Bnp Paribas e Generali

Reti, raccolta positiva a giugno, polizze con meno appeal

Consulenti sempre più sul trono del gestito

Assoreti, Molesini presidente

Assoreti, l’amministrato spinge la raccolta ad aprile

Assoreti, Colafrancesco lascia

OCF, Tofanelli (Assoreti): “Nuovo statuto garanzia per tutti”

Ti può anche interessare

Il consulente incompetente

In tempi di Mifid 2 ci troviamo ogni due per tre a parlare di competenze per i professionisti. ̶ ...

Arabia Saudita nella black list Ue contro il riciclaggio, le conseguenze per le banche

La Commissione europea ha aggiunto sette paesi, tra cui l’Arabia Saudita, Panama e la Nigeria ...

Mediolanum, ora la dichiarazione non finanziaria è su blockchain

Banca Mediolanum ha reso noto di aver certificato l’immodificabilità della Dichiarazione Non Fina ...