Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

A
A
A

Profitti di 2,5 miliardi di euro circa nei primi 9 mesi del 2017. Più di un miliardo derivano dal private banking e dall’asset management

Andrea Telara di Andrea Telara7 novembre 2017 | 14:54

Un utile netto di 5,9 miliardi circa, di cui 3,5 miliardi derivano però dal contributo pubblico ricevuto per l’acquisto delle banche venete. E’ il risultato messo a segno nei primi 9 mesi dell’anno dal gruppo Intesa Sanpaolo. Al netto dei questi proventi straordinari, i profitti ammontano a 2,5 miliardi, contro i 2,33 miliardi dello stesso periodo del 2016. Quasi la metà dei profitti è dovuta alle attività di private banking e asset management che ruotano attorno a Eurizon Capital e Fideuram Ispb. Ecco, di seguito una panoramica sui risultati delle divisioni.

La divisione Private Banking nei primi nove mesi del 2017 ha registrato:
– proventi operativi netti per 1.402 milioni, +8,7% rispetto a 1.290 milioni dei primi nove 
mesi 2016, pari a circa l’ 11% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (10% 
nei primi nove mesi 2016);
– costi operativi per 401 milioni, +2,6% rispetto a 391 milioni dei primi nove mesi 2016;
– un risultato della gestione operativa di 1.001 milioni, +11,3% rispetto a 899 milioni dei 
primi nove mesi 2016;
– un cost/income ratio al 28,6% rispetto al 30,3% dei primi nove mesi 2016;
– un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 19 
milioni, rispetto a 35 milioni dei primi nove mesi 2016;
– un risultato corrente lordo pari a 990 milioni, +14,6% rispetto a 864 milioni dei primi 
nove mesi 2016;
un risultato netto pari a 677 milioni, +28% rispetto a 529 milioni dei primi nove mesi 
2016.
La divisione Asset Management nei primi nove mesi del 2017 registra invece i seguenti risultati:
– proventi operativi netti per 555 milioni, +18,6% rispetto a 468 milioni dei primi nove mesi 2016, pari a circa il 4% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (4% 
anche nei primi nove mesi 2016);
– costi operativi per 107 milioni, +10,3% rispetto a 97 milioni dei primi nove mesi 2016;
– un risultato della gestione operativa di 448 milioni, +20,8% rispetto a 371 milioni dei 
primi nove mesi 2016;
– un cost/income ratio al 19,3% rispetto al 20,7% dei primi nove mesi 2016;
– un risultato corrente lordo pari a 448 milioni, +20,8% rispetto a 371 milioni dei primi 
nove mesi 2016;
– un risultato netto pari a 352 milioni, +24,8% rispetto a 282 milioni dei primi nove mesi 
2016.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, record di profitti

Col vento in poppa

Asset management, le 10 ricette per avere successo

Ti può anche interessare

Co.Mo.I. Sim cancellata dall’albo

La Consob ha deliberato la decadenza, per rinuncia espressa, della società dall'autorizzazione all' ...

Poste Italiane, giovani e belli…E consulenti

Il gruppo guidato da Matteo Del Fante cerca fino al 30 giugno financial advisor in tutta Italia, ma ...

Azimut torna a ruggire nel reclutamento

Bene anche Banca Generali e Bnl Bnp Paribas Life Banker. Perdono consulenti a novembre invece Widiba ...