Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 7 Novembre 2017 | 14:54
Profitti di 2,5 miliardi di euro circa nei primi 9 mesi del 2017. Più di un miliardo derivano dal private banking e dall’asset management

Un utile netto di 5,9 miliardi circa, di cui 3,5 miliardi derivano però dal contributo pubblico ricevuto per l’acquisto delle banche venete. E’ il risultato messo a segno nei primi 9 mesi dell’anno dal gruppo Intesa Sanpaolo. Al netto dei questi proventi straordinari, i profitti ammontano a 2,5 miliardi, contro i 2,33 miliardi dello stesso periodo del 2016. Quasi la metà dei profitti è dovuta alle attività di private banking e asset management che ruotano attorno a Eurizon Capital e Fideuram Ispb. Ecco, di seguito una panoramica sui risultati delle divisioni.

La divisione Private Banking nei primi nove mesi del 2017 ha registrato:
– proventi operativi netti per 1.402 milioni, +8,7% rispetto a 1.290 milioni dei primi nove 
mesi 2016, pari a circa l’ 11% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (10% 
nei primi nove mesi 2016);
– costi operativi per 401 milioni, +2,6% rispetto a 391 milioni dei primi nove mesi 2016;
– un risultato della gestione operativa di 1.001 milioni, +11,3% rispetto a 899 milioni dei 
primi nove mesi 2016;
– un cost/income ratio al 28,6% rispetto al 30,3% dei primi nove mesi 2016;
– un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 19 
milioni, rispetto a 35 milioni dei primi nove mesi 2016;
– un risultato corrente lordo pari a 990 milioni, +14,6% rispetto a 864 milioni dei primi 
nove mesi 2016;
un risultato netto pari a 677 milioni, +28% rispetto a 529 milioni dei primi nove mesi 
2016.
La divisione Asset Management nei primi nove mesi del 2017 registra invece i seguenti risultati:
– proventi operativi netti per 555 milioni, +18,6% rispetto a 468 milioni dei primi nove mesi 2016, pari a circa il 4% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (4% 
anche nei primi nove mesi 2016);
– costi operativi per 107 milioni, +10,3% rispetto a 97 milioni dei primi nove mesi 2016;
– un risultato della gestione operativa di 448 milioni, +20,8% rispetto a 371 milioni dei 
primi nove mesi 2016;
– un cost/income ratio al 19,3% rispetto al 20,7% dei primi nove mesi 2016;
– un risultato corrente lordo pari a 448 milioni, +20,8% rispetto a 371 milioni dei primi 
nove mesi 2016;
– un risultato netto pari a 352 milioni, +24,8% rispetto a 282 milioni dei primi nove mesi 
2016.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, quell’alto rendimento non è poi così alto

Etf, la grande moria del 2020

Kairos, così rientrano i 3 assi

Consulenti, in Borsa le aziende familiari sono il vaccino anti Covid

BlackRock, quella consulenza nella bufera

Pictet, il roadshow diventa uno spettacolo digital

Performance fee, il giro di vite dell’Esma cambia tutto

Asset allocation: occhio all’obbligazionario degli Emergenti

Mediolanum, una rivoluzione sostenibile

Polizze, nuovo comparto di Lyxor nella multiramo di Cnp Partners

Consulenti, fra Trump e Biden vincono le infrastrutture

Vontobel, poker di certificati sui super trend

IMPact Sim, investimenti certificati dalla Cei

Consulenti: non perdete il Salone dell’Asset Management, mancano 77 giorni all’evento dell’anno

Quant 2020, aperte le iscrizioni per l’evento dedicato all’asset management

Jupiter AM, si rafforza il team azionario

Azimut: campagna d’Egitto

Risparmio gestito, record di profitti

Col vento in poppa

Asset management, le 10 ricette per avere successo

Al Salone del Risparmio torna LEADER, con un tocco di rosa

PHOTOGALLERY – Le migliori università europee per sfondare nell’asset management

Fondi, in 3 vogliono Pioneer

Mediolanum, premiato l’asset management “made in Ireland”

Nel 2013 pochi asset ma molto management

Legg Mason gam: l’investimento digitale arriva su iPad

Arc AssetManagement accoglie Giudici nel suo team

Amundi debutta il colosso francese

UNEP FI: investire sulle energie pulite

Julius Baer gioca la carta Collardi

New Star AM – la ristrutturazione porta al delisting

BlackRock, le masse scendono del 12%

NEWSLETTER
Iscriviti
X