Banca Generali, verso un anno record

A
A
A
di Andrea Giacobino 8 Novembre 2017 | 13:35
Alzate le stime di raccolta 2017 a 6,5 miliardi. Utile dei primi 9 mesi oltre le previsioni.

Nove mesi alla grande per Banca Generali guidata da Gian Maria Mossa (nella foto). I primi nove mesi del 2017 hanno registrato infatti un utile netto di 147,4 milioni di euro, oltre le stime e in aumento del 24% rispetto  allo  scorso esercizio. Nel periodo Banca Generali ha messo a segno un significativo sviluppo dimensionale (masse a 53,8 miliardi, +19%) accompagnato da un’attenta gestione dei costi operativi, pressoché invariati in valore assoluto (+0,4%).

 Il risultato ha quindi favorito un balzo in avanti degli utili, nonostante l’assorbimento nel periodo di importanti investimenti finalizzati alla crescita della banca, e gli oneri straordinari (pari a 3,7 milioni) legati alla partecipazione allo schema volontario del Fondo Interbancario per la ricapitalizzazione del settore.

 Esaminando nello  specifico  i  dati  di  bilancio:  il  margine di intermediazione si  è  attestato a 384,3 milioni (+19,1%) grazie all’incremento delle masse e al loro impatto sulle commissioni ricorrenti, oltre al contributo dalle commissioni di performance.

Le commissioni di gestione hanno registrato un rialzo del 18,9% a conferma della solidità del modello di business e della capacità di crescere con livelli di marginalità  stabili. Positive inoltre le commissioni bancarie e d’ingresso (+30%) di riflesso all’incremento dei volumi.

 Il margine d’interesse è salito del 6% a 47,1 milioni mostrando una dinamica di miglioramento, sebbene il profilo degli investimenti nel portafoglio titoli della tesoreria si mantenga prudente in  linea all’orientamento della banca (+18% a 5,7 miliardi le posizioni in titoli obbligazionari con una duration complessiva pari a 1,7 anni e una maturity di 3,9 anni).

 I costi operativi si sono attestati a 139,2 milioni (+0,4%) pressoché invariati rispetto all’esercizio precedente nonostante il continuo impegno nello sviluppo di progetti nel digitale e l’aumento dell’operatività. I costi includono 4,6 milioni (+10%) di contributo ordinario al Fondo Nazionale di Risoluzione Bancaria (BRRD) e al Fondo Interbancario di Tutela   dei Depositi (FITD). Ad essi si aggiungono 3,7 milioni di  poste  non ricorrenti  per la partecipazione al fondo risoluzioni incluse  nelle rettifiche di valore. L’incidenza dei  costi  sulle  masse complessive si è ulteriormente ridotto a 33 bps (37  bps a fine 2016). La decisa crescita della redditività è stata accompagnata da un ulteriore incremento della solidità patrimoniale: il patrimonio netto consolidato migliora ulteriormente a 667milioni (+3% da inizio 2017).

 Mossa ha così commentato i risultati: “Siamo molto soddisfatti del forte trend di crescita della banca che si avvia verso un finale d’anno all’insegna di nuovi massimi  nella  raccolta, che  abbiamo rivisto  nelle  stime da  5,5  a 6,5 miliardi. Abbiamocontinuato a sviluppare la crescita dimensionale e nuovi progetti innovativi senza sacrificare il risultato netto, che continua a  crescere a  doppia cifra grazie  all’efficienza operativa, e gli indici patrimoniali  che si rafforza no  ulteriormente su livelli d’eccellenza. Abbiamo le basi  sempre  più  solide  per  chiudere  al  meglio   l’esercizio   ed   affrontare   con  slancio   le  rinnovate sfide   dei   prossimi mesi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X