Banche venete, Intesa Sanpaolo firma accordo con i sindacati

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 16 Novembre 2017 | 09:19
L’accordo, l’ultimo dopo quello sulle 4mila uscite volontarie, di fatto sancisce il definitivo accorpamento degli istituti nel gruppo .

L’ACCORDO – Intesa Sanpaolo ha raggiunto un accordo con i sindacati sull’integrazione delle ex banche venete (Veneto Banca e Popolare di Vicenza). Lo hanno fatto sapere ieri fonti delle stesse associazioni dei lavoratori. L’accordo, l’ultimo dopo quello sulle 4mila uscite volontarie, di fatto sancisce il definitivo accorpamento degli istituti nel gruppo e disciplina materie quali l’organizzazione del lavoro, il welfare, le retribuzioni, la mobilità territoriale e professionale, la riqualificazione dei dipendenti delle ex banche venete. L’intesa firmata dai sindacati prevede per i dipendenti del perimetro delle ex banche venete, tra l’altro, la salvaguardia delle retribuzioni del 95% del personale, l’accesso al fondo pensione e al fondo sanitario di gruppo, con progressivo incremento della contribuzione aziendale, attività  di formazione e di riqualificazione, oltre a una serie di garanzie per contenere la mobilità territoriale in conseguenza della chiusura di 600 sportelli.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, spunta l’ipotesi Intesa

Certificati, 30 nuovi Cash Collect per Intesa

Truffa sms, a rischio clienti Intesa

NEWSLETTER
Iscriviti
X