Sfuma il sogno dei commercialisti: inammissibile l’emendamento sulla iscrizione d’ufficio all’OCF

A
A
A
di Marco Muffato 17 Novembre 2017 | 11:01
Il commento del presidente Anasf Bufi: “chi vuole fare il cf deve superare la prova di abilitazione”.

Sfuma il sogno dei 120mila commercialisti dell’ingresso “facile” nella professione di consulente finanziario. È stato infatti dichiarato inammissibile l’emendamento 14.3. (leggi qui il nostro articolo sul tema) alla Legge di Bilancio 2018 proposto a firma dei senatori NCD Giuseppe Francesco Maria Marinello e Guido Viceconte, che prevedeva per dottori commercialisti e revisori contabili l’iscrizione d’ufficio nella costituenda sezione dei consulenti finanziari autonomi per chi fosse in possesso dei requisiti di professionalità e onorabilità richiesti e una prova d’esame semplificata per gli altri. Puntuale il commento di Maurizio Bufi, presidente Anasf, l’associazione di categoria dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede: “Come avevamo previsto l’emendamento presentato dai due senatori del centro destra è stato ritenuto inammissibile per materia in quanto riconducibile a temi di natura ordinamentale, quindi non coerente con i contenuti della legge di Bilancio. Chiunque voglia domani esercitare l’attività di consulente finanziario deve avere determinati requisiti conseguibili attraverso la prova di abilitazione tramite esame”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anasf, tutti gli interventi al Salone del risparmio

Anasf, ecco le date delle chiusure di agosto

Anasf e Confesercenti, ufficiale il protocollo d’intesa

NEWSLETTER
Iscriviti
X