Commercialisti, riformulato e ripresentato l’emendamento salta-esame OCF

A
A
A
di Marco Muffato 20 Novembre 2017 | 12:33
A sorpresa i senatori NCD hanno riproposto l’emendamento bocciato giovedì scorso accorpandolo a un altro. Domani l’esame dell’aula di Palazzo Madama.

I commercialisti ci riprovano: i senatori NCD Giuseppe Francesco Maria Mariniello e Guido Viceconte non si sono lasciati fermare dall’inammissibilità del loro emendamento 14.3 (leggi qui e qui i nostri articoli sul tema) alla Legge di Bilanco  2018 (che prevedeva per dottori commercialisti e revisori con contabili l’iscrizione d’ufficio presso l’OCF nella costituenda sezione dei consulenti finanziari autonomi per chi fosse in possesso dei requisiti di professionalità e onorabilità richiesti e una prova d’esame semplificata per gli altri). Secondo quanto risulta a Bluerating i senatori Ncd avrebbero riproposto e presentato in un unico emendamento il testo del 14.3 aggiungendolo al testo di un altro loro emendamento (il 12.01) anch’esso dichiarato inammissibile giovedì scorso. Resta da capire come da due emendamenti giudicati inammissibili ne possa scaturire uno ammissibile. Dove non arriva la matematica, però, può arrivare la politica. Domani, giorno fissato a Palazzo Madama per le dichiarazioni di inammissibilità, avremo una parola definitiva sulla possibilità dell’iscrizione d’ufficio dei dottori commercialisti all’OCF.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, quanti bocciati all’esame

Consulenti, la top 5 delle “marachelle”

Consulenti, l’Albo si restringe (ma tornano i giovani)

NEWSLETTER
Iscriviti
X