Bufi (Anasf) alla Camera: “I robo-advisor? Dovranno interagire con i consulenti finanziari”

A
A
A
di Andrea Telara 22 Novembre 2017 | 10:29
Audizione a Montecitorio del presidente delll’Anasf che ha parlato di Fintech e tutela dei risparmiatori, ribadendo l’importanza dei financial advisor in “carne e ossa”.

“Ci sono attività che un robo-advisor completamente slegato dalla componente umana non può certamente fare”. Parola del presidente dell’Anasf, Maurizio Bufi, che è intervenuto ieri alla Camera per un’audizione sui temi del Fintech. Bufi ha fatto riferimento ha parlato di “un wealth management olistico, cioè una gestione della ricchezza che include la pianificazione fiscale e successoria, nonché l’ambito assicurativo e previdenziale”. Per questi servizi, avere un consulente in carne e ossa in grado di capire la clientela è ancora un aspetto fondamentale.

Ecco, di seguito, il testo dell’intervento di Bufi:

[pdf-embedder url=”https://www.bluerating.com/wp-content/uploads/sites/2/2017/11/Anasf-Fintech.pdf” title=”Anasf Fintech”]

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anasf, tempo di votazioni ai congressi territoriali

Consulenti, ripartono in presenza i seminari Anasf

Consulenti, al via l’esonero contributivo Inps

NEWSLETTER
Iscriviti
X