Top Manager Reputation, Ennio Doris guadagna tre posizioni

A
A
A

L’osservatorio permanente realizzato da Reputation Manager ogni mese monitora la reputazione online delle figure apicali delle principali aziende italiane.

Chiara Merico di Chiara Merico30 novembre 2017 | 12:33

SETTIMO POSTO – Buona performance per Ennio Doris nell’ambito di Top Manager Reputation, l’osservatorio permanente realizzato da Reputation Manager che ogni mese monitora la reputazione online delle figure apicali delle principali aziende italiane. Il presidente di Banca Mediolanum (nella foto) guadagna 3 posizioni e raggiunge il settimo posto, con un punteggio di 54,4 su 100, grazie alla nuova strategia di sviluppo annunciata durante la convention annuale di Assago, che punta a far diventare Banca Mediolanum la prima banca di affari in Italia per le piccole e medie imprese.

BENE I MANAGER DELLA FINANZA – La classifica prende in esame i canali del web 1.0 (news e menzioni), quelli sul web 2.0 (blog, social network) e l’evoluzione storica, calcolando per ogni contenuto l’apporto reputazionale in termini sia quantitativi (volumi) che qualitativi (valori). E proprio dai manager della finanza arrivano le performance più interessanti: guadagna10 posizioni Carlo Messina, ad di Intesa Sanpaolo, che con un punteggio di 50,4 si posiziona quindicesimo, grazie alla decisione di stanziare un fondo da 100 milioni di euro per gli ex soci delle banche venete, alle dichiarazioni rilasciate in occasione del G7 di Torino per far uscire l’Italia dalla crisi e ai nuovi progetti di Banca Intesa, che punta a diventare la banca italiana leader nel settore delle assicurazioni nei prossimi otto anni. È invece il ritorno di Assicurazioni Generali a Venezia, con il progetto di restauro del palazzo delle Procuratie Vecchie, a giovare alla web reputation sia del presidente Gabriele Galateri di Genola – che guadagna 11 posizioni, piazzandosi 54esimo – sia dell’ad del gruppo Philippe Donnet, ottavo con 54,3 punti. “Sempre più spesso, invece che dalla politica è dai top manager che arrivano idee e proposte concrete per far uscire il sistema Italia dalla crisi, per innovare il mondo del lavoro e del credito, mettendo al centro le esigenze delle persone e dei lavoratori. E abbiamo notato questa evoluzione soprattutto nel settore della finanza. Siamo forse di fronte a un cambio di paradigma del rapporto tra le banche e i cittadini?”, ha dichiarato Andrea Barchiesi, ceo di Reputation Manager.

IL PODIO – Stabile la situazione sul podio: Sergio Marchionne si conferma alla guida della classifica per la terza volta consecutiva, con punteggio di 77,8. Il numero uno di Fca “fa volare il gruppo Agnelli-Exor” – titolano i giornali online – facendo salire il valore del gruppo del 70% e rassicura il mercato sul suo futuro in Exor. Il manager rimarrà infatti nella holding anche dopo l’uscita da Fca. A quasi 5 punti di distanza, con 72,9 punti, troviamo Urbano Cairo, che continua nella sua politica di risanamento e rinnovamento di RCS grazie a buoni risultati sulla raccolta pubblicitaria e al progetto di riportare il gruppo nel settore libri. Francesco Starace si posiziona invece sul terzo gradino del podio, grazie alla sua visione strategica che ha puntato su innovazione e sostenibilità, cambiando approcci e strutture fino a far diventare Enel una case history ad Harvard e a farla entrare nella Top 20 dei migliori datori di lavoro al mondo secondo il ranking stilato da Forbes Magazine. Ma è l’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante a scalare la classifica di Reputation Manager guadagnando ben 21 posizioni, piazzandosi 18°, grazie soprattutto a quella che la stampa online già chiama la “rivoluzione Del Fante”, che in attesa del nuovo piano industriale, ha iniziato a tracciare il nuovo corso del gruppo definendo una nuova squadra manageriale, puntando a far convivere il canale digitale e quello fisico, aiutando il Paese nella sua sfida per la trasformazione digitale. Anche l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, scala la classifica e guadagna 26 posizioni, raggiungendo il 22esimo posto con 48 punti, grazie all’accordo siglato tra Italia e Francia sul dossier Stx, relativo alla cantieristica navale e civile.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anche Banca Mediolanum e Widiba con Google Pay

La grande festa sta per finire?

Mediolanum Investment Banking advisor per DBH Holding

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, maggio dieci e lode

Doris (B.Mediolanum): “L’incertezza può frenare i Pir”

Banca Mediolanum diventa Nomad

Banca Mediolanum, aprile a forza 12

Bimbi in ufficio a Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, pagamenti più facili con un Plick

Fininvest-Mediolanum, punto a Berlusconi

Banca Mediolanum, Pac più che triplicati

Bozzolin (B.Mediolanum): “Rapporto umano al centro”

Banca Mediolanum, lo scatto di Doris nel nuovo spot

Doris (Banca Mediolanum): “La nostra agenda per la crescita”

BLUERATING in edicola. Doris (Mediolanum): “Una banca per l’Italia”

A febbraio corre la raccolta di Banca Mediolanum

Doris, rivoluzione in cassaforte

I re del web, la scalata dei Doris

Pir, chi ha vinto lo scudetto

Banca Mediolanum: masse su, utile giù

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

Gli italiani e il risparmio, se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Mediolanum CU, poker di appuntamenti per Centodieci è Ispirazione

Mediolanum, che raccolta a dicembre. Fideuram ISPB leader sui 12 mesi

Banca Mediolanum, brand che spacca

Doris: Mediolanum, banca delle Pmi

Banca Mediolanum, dominio sull’Aim grazie ai Pir

Banca Mediolanum a quota 109 family banker nel 2017

Consob, radiazione nel milanese

Banca Mediolanum, 2017 record per la raccolta

Lady Doris, il tesoro si ingrossa

Banca Mediolanum, Ennio e Massimo Doris insieme nel nuovo spot

Ti può anche interessare

Banco Bpm, i sindacati minacciano lo sciopero

Carenze nella formazione, pressioni commerciali, provvedimenti disciplinari non giustificati. Sono a ...

Credem, corre l’utile del leasing

L’utile netto di Credemleasing è in crescita del 12% anno su anno e si attesta a 11,8 milioni di ...

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Al via la decima edizione della Global Social Venture Competition – Italian Round: due giorni di B ...