Poste Italiane, rilancio della raccolta dei Buoni fruttiferi

A
A
A

Secondo il quotidiano Mf, la Cassa Depositi e Prestiti sui accinge a rinnovare l’accordo di distribuzione dei Bfp, con nuovi obiettivi di raccolta.

Andrea Telara di Andrea Telara14 dicembre 2017 | 09:54

La vecchia convenzione scadrà nel 2018. Per questo la Cassa Depositi e Prestiti sta per ridiscutere con Poste Italiane le condizioni per la distribuzione dei Buoni Fruttiferi Postali e Libretti Postali, prodotti finanziari che il gruppo guidato da Matteo del Fante vende in esclusiva nei propri sportelli, ricavando circa 1 miliardo di euro all’anno di commissioni. A rivelarlo è il quotidiano Mf che parla di un rilancio della raccolta e una ridefinizione degli obiettivi di raccolta. I Buoni e Libretti Postali, nonostante il forte calo dei tassi d’interesse, rappresentano ancora quali l’8% delle attività finanziarie delle famiglie. A fine 2016, gli asset totali investiti nei soli Buoni Fruttiferi Postali erano pari a 204 miliardi di euro, 2 miliardi in meno rispetto ai 12 mesi precedenti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Poste punta su raccolta e risparmio gestito

Poste Italiane rinnova l’offerta di Libretti e Buoni Fruttiferi

Telecom Italia vs Enel, si accende lo scontro sul futuro della rete italiana

Ti può anche interessare

Mediobanca, Alierta esce dal cda

L’ex numero uno di Telefonica lascia per dedicarsi meglio alle sue iniziative filantropiche ...

Consulente indagato, arriva la sospensione cautelare

Tramite delibera n. 20170 datata 25 ottobre 2017, l’Autorità italiana per la vigilanza dei mercat ...

Gamma CM, parte la rete

Prende il via la campagna di reclutamento del nuovo operatore maltese che ha aperto a maggio la bran ...