Mifid 2 parte con un’eccezione sui derivati

A
A
A
di Chiara Merico 4 Gennaio 2018 | 09:52
Una proroga di 30 mesi è stata concessa dalla BaFin, la Consob tedesca, alla Borsa dei derivati Eurex, la più grande in Europa (controllata da Deutsche Börse).

L’ECCEZIONE – Una proroga di trenta mesi, in risposta a due provvedimenti analoghi presi in Gran Bretagna: debutta con un’eccezione la Mifid 2, la nuova direttiva europea sui servizi di investimento entrata in vigore ieri. Come rivela Il Sole 24 Ore, la proroga è stata concessa dalla BaFin, la Consob tedesca, alla Borsa dei derivati Eurex, la più grande in Europa (controllata da Deutsche Börse), in risposta a quelle accordate dalla britannica Fca al London Metal Exchange e all’Ice Futures Europe. In questo modo il colossale mercato dei derivati Eurex avrà altri trenta mesi di tempo per adeguare le proprie procedure di trading e clearing alle regole della Mifid 2. Per gli importanti future trattati sull’Eurex – come quelli sull’indice continentale Eurostoxx 50, sul benchmark azionario tedesco Dax, sui decennali obbligazionari tedesco Bund e italiano BTp – l’articolo 35 della Mifid 2 verrà di conseguenza applicato solo a partire dal 3 luglio 2020.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Allianz GI nel mirino della BaFin

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

Banche – Hypo Re sarà nazionalizzata

NEWSLETTER
Iscriviti
X