Polizze vita dormienti, l’Ivass chiede più tutele per gli assicurati

A
A
A

Iniziativa dell’authority per i contratti scaduti e non riscossi dai beneficiari. Richiesto un piano di azione alle compagnie

Andrea Telara di Andrea Telara8 gennaio 2018 | 09:55

Proseguono le iniziative dell’Ivass a tutela dei consumatori per la riduzione del fenomeno delle polizze Vita dormienti, cioè quei contratti assicurativi non riscossi dai beneficiari, i cui diritti si prescrivono nell’arco di 10 anni. Con una lettera inviata il 29 dicembre, l’Istituto che vigila su settore assicurativo ha suggerito alle compagnie  alcune linee d’azione per “migliorare i processi di verifica dei decessi e per l’identificazione dei beneficiari delle polizze Vita” L’Ivass ha chiesto alle compagnie assicurative di adottare, entro il 1° aprile 2018, un piano d’azione mirato ad affrontare il problema.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze dormienti, tesoro da 29 miliardi

Polizze, così cambieranno i contratti

Polizze Vita, se il capitale non è più garantito

Ti può anche interessare

L’estero spinge la raccolta Azimut

Ma la produzione frena a 215 milioni dai 775 di luglio. Patrimonio a 52,1 miliardi da inizio anno. ...

Quando la consulenza passa dalla finanza olistica

Ripensare gli investimenti partendo dai bisogni reali ...

Diamanti in banca, partono le azioni legali

L’associazione Aduc prepara le carte per iniziative a difesa dei risparmiatori ...