Mifid 2, extra entrate per 3,5 miliardi

A
A
A

Uno studio curato da Excellence Consulting, riferito da IlSole 24Ore, prevede un impatto positivo da 3,5 miliardi di euro sull’intera filiera del risparmio gestito italiano.

Chiara Merico di Chiara Merico10 gennaio 2018 | 09:20

IMPATTO POSITIVO – Un impatto positivo da 3,5 miliardi di euro in cinque anni: è quello che Mifid 2 potrebbe avere sull’intera filiera del risparmio gestito italiano. Lo rivela uno studio curato da Excellence Consulting, riportato da Il Sole 24 ore. Si tratta, scrive il quotidiano finanziario, di un esito sotto certi aspetti inatteso, che scaturisce però dall’analisi di ciascuno dei fenomeni, positivi o negativi, indotti dalla direttiva e che si basa soprattutto sull’applicazione al caso italiano di risultati legati a esperienze simili che si sono verificate in Paesi limitrofi, a partire dalla normativa Retail Distribution Review (Rdr) che ha interessato la Gran Bretagna. “Sul fronte dei costi di adeguamentola Rdr ha ridotto del 10-12% gli utili netti dell’industria del risparmio britannica: se proiettata sul mercato italiano, questa percentuale determinerebbe un saldo negativo compreso fra 680 e 780 milioni”, nota Maurizio Primanni, ad di Excellence Consulting. Ancora più dolorose sarebbero le conseguenze determinate dal giro di vite sulla trasparenza dei prezzi e dalla crescente concorrenza delle piattaforme digitali. L’esperienza in questo caso insegna che un aumento della prima si traduce in genere in una contrazione dei prezzi dei prodotti di investimento perché il cliente utilizza le maggiori informazioni a disposizione per effettuare arbitraggi più frequenti e approfonditi, un fenomeno che lo sviluppo delle piattaforme di robo-advisory potrebbe a sua volta amplificare. “A fronte di normative simili a Mifid2 – sottolinea Primanni – nei Paesi Bassi il prezzo medio dei prodotti di investimento è sceso tra il 2013 e il 2016 del 35%, mentre in Gran Bretagna la riduzione è stata pari al 15%: ipotizzando anche un calo dal 10 al 15% sul prezzo medio attuale degli strumenti distribuiti in Italia l’effetto negativo potrebbe valere da 2,7 a 4,2 miliardi all’anno per il nostro sistema del risparmio”.

I RICAVI POTENZIALI – Il discorso si fa ovviamente più interessante sul versante dei ricavi potenziali. Il recupero avviene in primo luogo attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti: il fenomeno dei Pir, sotto questo aspetto, rappresenta un buon esempio destinato a proseguire, ma non è certo l’unico. La spinta maggiore potrebbe infatti arrivare da una nuova generazione di prodotti alternativi (hedge fund, private equity, real estate, infrastructure) che finora in Italia sono stati distribuiti marginalmente solo agli istituzionali e che potrebbero trovare spazio anche fra i clienti private e fra quelli con patrimoni elevati. “Se l’Italia allineasse la loro diffusione ai mercati asiatici e agli Usa si potrebbero generare per il sistema fra i 400 e i 600 milioni di maggiori ricavi”, garantisce Primanni. La sfida si fa più ancora importante sul terreno della consulenza finanziaria a pagamento, un fenomeno destinato necessariamente a crescere negli anni a venire anche per conseguenza indiretta delle norme introdotte dalla stessa Mifid 2. “Proiettando i risultati ottenuti da alcuni operatori italiani pionieri nell’offerta di una consulenza dai contenuti di servizi rafforzati e di qualità superiore al livello minimale richiesto dalla direttiva – conferma Primanni – si potrebbero ottenere ricavi che su un orizzonte di almeno 5 anni abbiamo stimato ammontare a circa 4,5-5 miliardi l’anno”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, dove Mifid 2 ha fatto fiasco

Poste, Mifid 2 è un assist per la rete

Rendiconti Mifid 2, la trasparenza può attendere

Mifid 2 flop, Esma pensa alla revisione

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Fondi, la grande sfida dei costi

Bufi (Anasf): “Oltre al Rendiconto Mifid 2 serve il consulente”

Mifid 2, Italia studente modello

Nuovi rendiconti, la timeline delle reti

Oggi su BLUERATING NEWS: Mifid 2 sotto la lente

Mifid 2, per i consulenti finanziari nulla è cambiato

Mifid 2 e prodotti di casa, scatta l’operazione vigilanza

Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

Corso di formazione su MiFID II: contesto normativo e aspetti operativi

Mifid 2, finalmente i primi rendiconti

Salone del Risparmio 2019, atto secondo

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Il grande crollo dei gestori

Mifid 2, continua lo scontro sulla trasparenza

Mifid 2, un anno dopo

Mifid 2, la Consob a gamba tesa

Consulenza finanziaria e trasparenza costi: noi si chiacchera, ma altrove…

LA VOCE DEL CONSULENTE: Rendiconti Mifid 2, scegli da che parte stare

Rendiconti Mifid 2, cara Consob ti scrivo

Rendiconti Mifid 2, Bufi (Anasf) paladino della trasparenza

MTF e OTF, cosa cambia con Mifid 2

Mifid 2, il punto di Assogestioni su conoscenza e competenza

Oggi su BLUERATING NEWS: sale lo spread, i rendiconti dei costi post Mifid 2

Consulenti, rinvio in vista per i rendiconti Mifid 2

Consulenti: a lezione di Mifid 2

Consulenti, così il digitale vi aiuterà

Il consulente “proletario” trionferà

Derivati, parte l’offensiva della vigilanza dopo Mifid 2

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram, reclutamenti di fine anno

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Reti Champions League: giornata da incorniciare per Pietrafresa e Giuliani

Dopo un giugno vissuto con poche sorprese, la settimana giornata di Reti Champions League verrà ric ...

Silenti Enasarco, un appello ai parlamentari

”Torniamo a sollecitare ancora una volta, la vostra adesione, alla risoluzione del caso dei 62 ...