UniCredit, successo per i nuovi bond cuscinetto

A
A
A
di Andrea Telara 12 Gennaio 2018 | 09:22
Primo collocamento in Italia di obbligazioni senior non preferred. Richieste per 4,5 miliardi a fronte di un importo di 1,5 miliardi.

Grande successo per l’emissione di bond senior non preferred di UniCredit, ribattezzati anche bond cuscinetto. Il titolo ha una scadenza 18 gennaio 2023, una cedola dell’1% e un rendimento effettivo lordo dell’1,072%, tenendo conto del prezzo sotto la pari. Come riporta l’agenzia Reuters, gli ordini sono stati pari a 4,5 miliardi di euro mentre l’importo dell’emissione è stato fissato a 1,5 miliardi di euro.
Il titolo è stato collocato presso differenti categorie di investitori: fondi (67%), banche (18%) e assicurazioni/fondi pensione (8%). A livello geografico, la domanda si è distribuita tra Regno Unito e Irlanda (22%), Francia (20%), Italia (15%) e Germania e Austria (10%).
I senior non preferred (Snp), come spiega la Reuters, sono stati ora introdotti in Italia con la legge di Bilancio 2018. Detti anche bond Tier3, sono una nuova classe di obbligazioni bancarie, di tipo senior ma con rango intermedio tra i subordinati Tier2 e i senior tradizionali (preferred).

UniCredit punta a emettere 6 miliardi di euro di bond Snp da qui a fine 2019, La nascita di questi bond punta a dotare le banche di strumenti “cuscinetto” che facilitino l‘assorbimento delle perdite in caso di bail-in o risoluzione, limitando sia i casi di sostegno pubblico sia il coinvolgimento dei piccoli risparmiatori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pronti, Recovery, via. Le nuove obbligazioni governative sotto la lente

Mercati, decennale Usa atteso sopra il 2%

Fondi, da State Street tre nuovi comparti Sustainable Climate Bond

NEWSLETTER
Iscriviti
X