Consulente, sei incompetente per Mifid2?

A
A
A

Per Mifid 2 non hai i requisiti di competenza necessari per prestare consulenza se…

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 gennaio 2018 | 10:04

Dopo il clamore suscitato dal pezzo Mifid 2, le banche in ritardo nell’applicarla la redazione di Bluerating ha deciso di fare il punto pratico sulle rinnovate richieste in materia di conoscenza e competenza volute dalla Mifid2.
In prima battuta bisogna dire che l’obiettivo della Mifid 2, in linea di continuità con quanto previsto dalla Mifid1, è quello di garantire un ulteriore rafforzamento dei presidi di tutela per gli investitori non solo attraverso regole più stringenti e con più ampio ambito di applicazione, ma anche tramite l’introduzione di specifiche previsioni in tema di requisiti di conoscenza e competenza del personale degli intermediari

Ma come si traduce questo “politichese” in indicazioni pratiche? Abbiamo provato a fare un giochino, individuando i casi in cui un professionista non è in grado di fornire il servizio di consulenza, ovvero non possiede le competenze in materia (secondo Mifid 2). Per farlo abbiamo osservato quanto indicato dal nuovo Regolamento Intermediari Consob dall’art 59-sexies all’art.59-novies che disciplina nel dettaglio i requisiti che il personale coinvolto in tali attività è tenuto a soddisfare.

Per Mifid 2 sei incompetente (non hai quindi i requisiti necessari per prestare consulenza) se…(procediamo con delle valutazioni sequenziali):

1 Non possiedi l’iscrizione, anche di diritto, all’albo dei consulenti finanziari o non hai superato l’esame previsto ai fini di tale iscrizione e, in entrambi i casi, non hai almeno 12 mesi di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 ).

e inoltre…

2 Non possiedi  un diploma di laurea, almeno triennale, in discipline economiche, giuridiche, bancarie o assicurative, rilasciato da un’università riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, o un titolo di studio estero equipollente, e almeno 12 mesi di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

3 Non possiedi un diploma di laurea in discipline diverse da quelle indicate al punto 2, rilasciato da una Università riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, integrato da un master post-lauream in discipline economiche, giuridiche o finanziarie o un titolo di studio equipollente, e almeno 12 mesi di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

4 Non possiedi diploma di laurea, almeno triennale, in discipline diverse da quelle indicate al punto 2, rilasciato da una Università riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, o un titolo di studio estero equipollente, e almeno 2 anni di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886. Il requisito professionale è dimezzato qualora l’interessato attesti di avere acquisito, mediante una formazione professionale specifica, conoscenze teorico pratiche nelle materie individuate al punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

5 Non possiedi diploma di istruzione secondaria superiore e almeno 4 anni di esperienza professionale (in aree professionali attinenti alle materie individuate dal punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886. Il requisito professionale è dimezzato qualora l’interessato attesti di avere acquisito, mediante una formazione professionale specifica, conoscenze teorico pratiche nelle materie individuate al punto 18 degli Orientamenti Esma/2015/1886 )

e inoltre…

6 Non possiedi almeno un diploma di scuola secondaria di primo grado e, alla data 2/1/2018, un’esperienza professionale documentata, pertinente e adeguata rispetto all’attività da svolgere, maturata anche presso più intermediari, pari a dieci anni decorrenti dall’1 novembre 2007

e inoltre

7 Non possiedi almeno un diploma di scuola secondaria di primo grado e, alla data 2/1/2018, un’esperienza professionale documentata, pertinente e adeguata rispetto all’attività da svolgere, maturata anche presso più intermediari, pari ad almeno otto anni nel periodo di tempo compreso tra l’1/11/2007 e il 2/1/2018 e un’integrazione con un periodo di supervisione fino al raggiungimento dei dieci anni.

Se invece spostiamo l’attenzione sulla semplice offerta di informazioni, valgono i ragionamenti precedenti con la sola differenza che risulta dimezzata la durata temporale dell’esperienza professionale richiesta; tuttavia l’esperienza lavorativa idonea a dimostrare la capacità di fornire informazioni ai clienti, è maturata nel decennio precedente l’inizio di tale attività e almeno la metà di tale esperienza lavorativa deve essere maturata nel triennio precedente l’inizio dell’attività.

Noi i mezzi di valutazione ve li abbiamo forniti, non vi resta che farci sapere nei commenti se vi siete salvati, o meno, dalla “scure” delle competenze di Mifid 2.


2 commenti

  • raimondo rossi says:

    Salve,
    potreste cortesemente dirmi dove avete ritrovato questo requisito?
    Il Regolamento Intermediari in consultazione arriva fino ll’associazione diploma di scuola secondaria di primo grado + 10 anni di esperienza (senza possibilità di supervisor).
    “Non possiedi almeno un diploma di scuola secondaria di primo grado e, alla data 2/1/2018, un’esperienza professionale documentata, pertinente e adeguata rispetto all’attività da svolgere, maturata anche presso più intermediari, pari ad almeno otto anni nel periodo di tempo compreso tra l’1/11/2007 e il 2/1/2018 e un’integrazione con un periodo di supervisione fino al raggiungimento dei dieci anni.”

    Grazie mille

  • Matteo Chiamenti Matteo Chiamenti says:

    Buongiorno,
    i requisiti citati sono stati indicati da Consob durante un corso di formazione dello scorso gennaio 2018 dedicato al rafforzamento delle tutele dei piccoli investitori alla luce delle nuove normative europee in applicazione da gennaio 2018 (Mifid2 – Priips). Il riferimento che Consob ha contestualmente indicato è l’art.59-novies del nuovo RI – Disposizioni finali. Il Regolamento Intermediari non è stato ancora pubblicato interamente, attendiamo la versione finale che comunque dovrebbe confermare quanto indicato. Grazie mille!

ARTICOLI CORRELATI

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Una Fideuram da record

Repulisti in casa Ubi Banca

Banco Desio, una semestrale all’insegna della solidità

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Banca Generali, gestito e assicurativo fanno bella la raccolta

Semestrali, Widiba sfonda il breakeven

Intesa Sanpaolo, wealth management in chiaroscuro

Reclutamenti, la squadra di Rebecchi è al top

Ti può anche interessare

Fideuram e Spi, otto rinforzi a febbraio

Con i nuovi arrivi le due reti di cf di Fideuram ISPB hanno superato quota 5.054 professionisti in o ...

Il 25% di Hi-Mtf Sim da Nexi alle Popolari

IL DEAL – Le banche popolari, azioniste della Luigi Luzzatti SpA, entrano con una quota rileva ...

IMI Investimenti si fonde in Intesa Sanpaolo

La società di venture capital viene incorporata nalla capogruppo ...