Marucci (Federpromm) a Bufi (Anasf): “Di che cosa hai paura?”

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 5 Marzo 2018 | 08:05
Continua la polemica a distanza tra il presidente di Federpromm e quello dell’Anasf sulla governance dell’Ocf

Di che cosa il collega Bufi ha paura? E’ l’interrogativo sollevato da Manlio Marucci, n.1 di Federpromm- Uiltucs (nella foto a destra), riguardo al tema delle rappresentanze delle associazioni di categoria ai vertici dell’Ocf, l’organismo che gestisce l’Albo professionale dei consulenti finanziari.

In vista della nascita del nuovo Albo Unico che includerà anche gli autonomi, nelle scorse settimane Marucci aveva chiesto un incontro alla presidente dell’Ocf, Carla Rabitti Bedogni, per ricordare la composizione particolare degli iscritti a Federpromm (si veda qui la notizia) che in parte sono stati trasferiti in passato alla sigla affiliata Opec Financial. Marucci aveva dunque chiesto all’Ocf di tenere conto di questa particolarità della sua associazione quando si decideranno quali sono le sigle di categoria maggiormente rappresentative che avranno il diritto ad avere un loro rappresentante nel direttivo dell’Ocf. Va infatti ricordato che il Regolamento Intermediari della Consob ammette la presenza di un esponente di una determinata associazione negli organi direttivi dell’Ocf solo se l’associazione stessa è rappresentativa di almeno il 10% degli iscritti all’Albo.

Di fronte alle richieste di Marucci, il presidente dell’Anasf Maurizio Bufi aveva però diffuso un Tweet dove (si veda qui la notizia) invitava di fatto a leggere il Regolamento Intermediari della Consob e ad applicarlo senza forzatura.

Ora è arrivata la controreplica di Marucci che con un comunicato afferma di non volere fare troppe polemiche ma poi accusa il presidente dell’Anasf di volontà egemoniche sulla governance dell’Ocf e chiede quali siano i timori che lo hanno spinto alla sua presa di posizione su Twitter.

Ecco di seguito il testo del comunicato diffuso da Federpromm

“Era prevedibile”, scrive Marucci, “anche simpatico vedere il focoso cinguettio di Bufi lanciato vs Federpromm su Twitter lo scorso 1 marzo in risposta ad una formale quanto necessaria richiesta di incontro all’ OCF sul problema della  rappresentanza in seno al costituendo Organismo che andrà a gestire l’albo dei consulenti finanziari. E’ la dimostrazione – replica Marucci – del “quitum servitium” per usare  la formula gramsciana sul potere e su come l’Associazione rappresentata da Bufi voglia continuare a mantenere una posizione dominante per riaffermare lo status quo senza rendesi conto che la realtà del settore è cambiata sia sul piano formale che sostanziale.  Credo – senza sollevare polemiche che non avrebbero senso, afferma Marucci – che la democrazia in ogni organizzazione che si rispetti debba poter far esprimere a tutti i soggetti che vi  partecipano la propria opinione e di  poter affermare i propri diritti, indipendentemente dai rapporti di forza numerici e questo  nell’interesse generale del funzionamento della norme che regolano la convivenza civile e lo stesso funzionamento delle istituzioni.  Le preoccupazioni di Bufi evidentemente tradiscono questi “principi elementari”  delle regole di una democrazia partecipativa  e dimostrano interessi  di parte con logiche di appartenenza. Di che cosa il collega Bufi ha paura? Stia sereno che la pratica è un po’ diversa dagli slogan”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ocf, confermata Rabitti Bedogni

Consulenti, ecco le “marachelle” più comuni

Ocf, consulenti in ritirata

Consulenti, terremoto all’Ocf

Strage di Paternò, il responsabile non era un cf

Albo unico Ocf, al via la campagna di comunicazione

OCF, Tofanelli (Assoreti): “Nuovo statuto garanzia per tutti”

Bufi (Anasf): “Altre associazioni in OCF? Benvenute se rappresentative”

OCF, ecco il nuovo statuto

Tempi brevi per la pre-iscrizione di autonomi e Scf

Scf e consulenti autonomi, il nodo della rappresentatività

Esame per l’albo dei cf, la scadenza per la prova di Milano

Consulenti, esame light per i commercialisti

Commercialisti, riformulato e ripresentato l’emendamento salta-esame OCF

Bufi (Anasf): “La politica ha dato un segnale chiaro alla Consob”

Emendamento shock: commercialisti iscritti d’ufficio all’Albo cf

Rabitti Bedogni (Ocf): “Il nuovo Albo da ottobre 2018”

Mainò (Nafop): “Offerta fuori sede dei cf autonomi? Giustizia è fatta”

Non è una professione per giovani

Albo cf, donne e giovani si fanno spazio

Esame Albo Ocf, lunedì 12 giugno ultimo giorno per iscriversi

Commercialista o consulente finanziario? La risposta nel 2018

False notizie sui cf, troppa disinformazione

Consulente finanziario condannato, la Consob lo sospende per un anno

Se il commercialista è anche un consulente finanziario

I cf “eccellenza” italiana come vino e design

Soldi sottratti ai clienti, radiato un ex di Banca Widiba

Omicidio Trento: il responsabile non era un consulente finanziario

Ti può anche interessare

Top 10 Bluerating: Artemis vola negli Usa

Le classifiche esclusive di Bluerating dedicate ai migliori prodotti del risparmio gestito disponibi ...

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

Come ogni anno i professionisti dell’advisory si trovano a dovere affrontare uno dei momenti dell ...

Consulente, un bravo surfista che lavora in team

Non c’è solo la Mifid 2 a impattare in modo prepotente sul presente e sul futuro del lavoro dei c ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X