Popolare di Vicenza, i pm chiedono l’insolvenza

A
A
A
di Andrea Telara 6 Marzo 2018 | 08:54
Se verrà accolta, consentirà alla procura di procedere contro gli ex manager anche per i reati di bancarotta

I pubblici ministeri vicentini Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori hanno chiesto di dichiarazione di insolvenza della Banca Popolare di Vicenza, istituto già in liquidazione coatta. Lo hanno riferito fonti legali citate dall’agenzia Reuters, specificando che l’stanza dei pm sarà valutata nei prossimi giorni dal Tribunale civile. Se accettata, la richiesta permetterebbe alla procura di procedere nei confronti degli imputati dell’udienza preliminare anche per il reato di bancarotta, oltre a quelli già contestati di falso in prospetto, ostacolo alla vigilanza e aggiotaggio. Il prossimo 21 aprile infine il gup Roberto Venditti deciderà anche sull’unificazione in un unico procedimento del secondo troncone d’indagine, inizialmente stralciato, sui reati di ostacolo alla vigilanza di Consob, Banca d’Italia e Bce relativamente all’aumento di capitale del 2014.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La politica non ne parla, ma il debito pubblico italiano continua a lievitare

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

Rinvio a giudizio per Zonin, gli avvocati: massima fiducia nella magistratura

NEWSLETTER
Iscriviti
X