Mifid 2, perché i consulenti finanziari possono guadagnare di più

A
A
A

Un’analisi sull’applicazione della direttiva europea in Gran Bretagna e nei Paesi Bassi. Anche se le tariffe sono scese, i cf hanno ampliato la gamma dei servizi.

Luca Spoldi di Luca Spoldi13 marzo 2018 | 10:14

Mifid 2 è tra noi e l’industria del risparmio gestito si interroga sul ruolo dei consulenti finanziari, la trasparenza sui costi e la product governance, come testimonia una recente indagine svolta da Mc Kinsey in collaborazione con Anasf, da cui è emerso tra l’altro come lo scorso anno sia salita di 5 punti percentuali (al 28%) la percentuale di ricchezza di clienti affluent affidata ai consulenti finanziari italiani.

GLI ESEMPI ALL’ESTERO – Ma quanto inciderà Mifid 2 sulla consulenza finanziaria in termini di ricavi? Secondo una ricerca di Excellence Consulting a medio termine lo sviluppo di nuovi prodotti e la crescita dei servizi di consulenza potrebbero creare ricavi addizionali per 4,5-5 miliardi di euro l’anno. L’esempio viene da paesi come Gran Bretagna o Paesi Bassi che hanno adottato da tempo norme simili a Mifid 2 registrando sì un calo del prezzo medio dei prodotti (del 15% nel Regno Unito, del 25% nei Paesi Bassi, tra il 2013 e il 2016), ma anche lo sviluppo di nuovi servizi evoluti nell’ottica dell’ottimizzazione della gestione dei patrimoni.

RIORIENTARE I MODELLI – In particolare, dato che a fine 2016 ancora un terzo circa del patrimonio dei risparmiatori italiani giaceva inutilizzato su conti correnti e di deposito, mentre le attività immobiliari sono stimate valere 5.800 miliardi di euro (di cui 2mila miliardi costituite non da prime case), secondo lo studio di Excellence Consulting l’attività di consulenza potrebbe generare ricavi tra 1,5 e 2 miliardi nel primo caso, tra 800 milioni e un miliardo nel secondo per complessivi 2,3-3 miliardi di ricavi aggiuntivi che si sommerebbero ai nuovi ricavi collegabili a Mifid 2, arrivando a un totale di 7-8 miliardi di maggiori ricavi all’anno nell’arco del prossimo quinquennio. Facendo due calcoli, se i prezzi non caleranno più del 15%-20% (con un impatto negativo di 4,2-5,6 miliardi) mentre la crescita delle attività di consulenza (e dei relativi ricavi) procederà come previsto,
il saldo netto nel nuovo scenario potrebbe essere positivo, tra 2 e
2,5 miliardi l’anno. Solo chi saprà riorientare il proprio modello
di business riuscirà tuttavia a concretizzare questi benefici potenziali non a caso reti come FinecoBank hanno da tempo inaugurato contest qualitativi che mirano a incentivare lo sviluppo dei servizi di advisory piuttosto che il collocamento di singoli prodotti finanziari “a la carte”, da un
lato prevedendo bonus legati alle masse che i consulenti attraggono, dall’altro limando le commissioni di gestione sui singoli prodotti collocati “a la carte”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cari Consulenti, gli head hunter vi spiano sui social

Consulenti finanziari, oltre 1.300 miliardi di opportunità

Consulenti finanziari, lo stress vi sta uccidendo

Seminari Anasf, a giugno focus su MiFID 2 e i costi della non consulenza

Consulenti finanziari, la linea verde di Copernico Sim

Consulenti finanziari: la ricerca della felicità

Consulenti finanziari, le novità sul regime forfettario

Fineco, gli incentivi ai consulenti

Quanto costano i consulenti a Banca Generali

Consulente, alle Poste c’è un posto per te

La consulenza deve diventare grande

Consulenza: le responsabilità legali degli intermediari finanziari

Widiba, Milan l’è un gran roadshow

Consulenti: BlueAcademy e Teseo, ecco il corso per l’European Investment Practitioner

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram Ispb raccolta e utile, i grandi gestori

Consulenti come Icardi: quando il capitano cambia all’improvviso

Consulenti, Poste Italiane la vera minaccia

Poste Italiane, cercasi consulenti (ma con dote)

Consulenti, rivolta contro il contratto ibrido

Reti, raccolta positiva a giugno, polizze con meno appeal

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Mifid 2, se il consulente diventa green

Poste Italiane a caccia di 500 consulenti

È solo un Bollettino, non un dogma di fede

Poste Italiane, giovani e belli…E consulenti

Unit linked, tesoro da 9 miliardi all’anno per i cf

Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

Consulenti, 5 consigli per motivare il team di lavoro

Consulenti, le donne d’oro delle reti

Certificati, Mifid 2 e innovazione finanziaria ai Cf Webinars

Aviva, raccolta col turbo grazie ai cf

Reti, raccolta ancora tonica

Ti può anche interessare

Fideuram ISPB: mano tesa verso gli imprenditori

Il mondo dell’impresa è sicuramente un target di clientela di assoluta importanza per Fideura ...

Credito popolare: un modello rafforzato dai 10 anni di crisi economica

Gli impieghi erogati dal credito popolare in Italia, negli ultimi dieci anni, quelli della peggiore ...

Novembre sorride a Banca Mediolanum

L'istituto di Basiglio ha messo a segno una raccolta netta totale di gruppo pari a 301 milioni di eu ...