Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

A
A
A

Due scenari possibili per il mancato pagamento finale del Fondo Europa Immobiliare 1. E per ora la società non risponde…

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti3 aprile 2018 | 10:48

Riprendiamo in mano la questione Vegagest-Poste Italiane. Dopo la presa di posizione di quest’ultima a tutela dei risparmiatori, rimane per ora inascoltato il nostro appello a una commento da parte di Vegagest (vi terremo come sempre aggiornati in tal senso).

A tal proposito riportiamo di seguito un ulteriore approfondimento a cura di Giuseppe D’Orta di Aduc. Un articolo che evidenzia due possibili alternative dietro il mancato rimborso del Fondo Europa Immobiliare 1. E una delle due, senza dubbio, mette piuttosto paura…

“Nelle giornate di giovedì e venerdì scorsi è stato impossibile per chiunque parlare con un rappresentante della Vegagest Sgr per ottenere dettagli riguardo la decisione di sospendere il pagamento finale del Fondo Europa Immobiliare 1 nel giorno stesso in cui doveva avvenire, mercoledì 28, a causa di “circostanze non note e non prevedibili al momento della redazione e dell’approvazione del rendiconto finale di liquidazione”, approvazione che è avvenuta il 1 marzo.
Dopo la pausa festiva, è necessario e doveroso che Vegagest racconti immediatamente cosa è accadutonel periodo trascorso tra il 1 e il 28 marzo e comunichi ogni dettaglio riguardo le “circostanze non note e non prevedibili” che hanno impedito il pagamento.

Cosa potrebbe essere accaduto?
Il comunicato riporta che le circostanze straordinarie e non prevedibili sono “inerenti alle attività di liquidazione delle partecipazioni dirette ed indirette del Fondo”.
Il rendiconto finale approvato il 1 marzo evidenzia attivi composti quasi interamente da liquidità disponibile, come è logico che sia per un fondo che ha terminato l’attività.

Un’ipotesi può essere quella di un provvedimento di un Tribunale che, accogliendo l’istanza di un soggetto in affari col fondo e intenzionato a rivalersi per un qualche motivo, abbia disposto il sequestro conservativo di tutta o parte della somma che Europa Immobiliare 1 stava per distribuire. Si tratta di circa 46 milioni 400mila euro.

Altra ipotesi, che ci auguriamo davvero non si concretizzi, riguarda l’inesistenza parziale o totale delle poste liquide presenti in bilancio. Anche per tale motivo Vegagest deve immediatamente emanare un comunicato: mai si era verificato un simile evento, e senza informazioni si fanno pensieri di ogni genere.

Ancora, è molto probabile che mercoledì scorso Monte Titoli abbia messo in pagamento gli importi. E’ infatti prassi dei sistemi di gestione accentrata di strumenti finanziari, agevolare i partecipanti mettendo in pagamento le somme il giorno stesso, per poi eventualmente ritirarle nel caso in cui l’emittente non le metta in concreto a disposizione.
Poste Italiane, almeno giovedì e venerdì scorsi, non hanno accreditato alcunché agli interessati. Sapevano di cosa stava per accadere? Oppure Monte Titoli non ha accreditato i pagamenti? Ma in tal caso, come ha fatto Monte Titoli a sospendere i pagamenti se il comunicato Vegagest è apparso nel medesimo giorno?

Infine, un’annotazione: mercoledì scorso, Vegagest ha pubblicato il proprio comunicato nella home page del proprio sito internet ma nel sistema 1INFO, scelto da Vegagest per la diffusione e lo stoccaggio delle Informazioni Regolamentate, non è apparso un bel niente”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

SdR18, via libera per le conferenze

Fondi, rivoluzione Fidelity

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Fondaco, un nuovo fondo equity income

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Ti può anche interessare

Mediobanca annuncia la partnership con Ram AI

Sulla base dell'accordo Mediobanca acquisirà una partecipazione del 69% in Ram AI. ...

Assonova ha l’X Factor per entrare in Ocf

Giuliano Xausa presidente Assonova: l'obiettivo dichiarato è quello di entrare in Ocf ...

Giro di poltrone ai piani alti di Mediobanca

Il consiglio di amministrazione ha nominato Emanuele Flappini, 44 anni, in Mediobanca dal 1998, al p ...