Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

A
A
A

La scadenza del 23 aprile non è imperativa, C’è tempo per presentare istanza fino al momento in cui lo stato passivo verrà omologato dai giudici Ecco le email cui inviare le domande di insinuazione.

Marco Muffato di Marco Muffato6 aprile 2018 | 09:45

Domanda.Leggo che si è aperto il termine per domandare l’ammissione al passivo delle due ex popolari venete. Devo assistere un cliente, vi domando come fare.

G.M., Verona

Risposta.Il periodo per la presentazione delle istanze è in corso perché i commissari liquidatori delleSportello Advisory due banche hanno concluso l’accertamento dell’attivo, ma in realtà era possibile presentarle anche prima. La scadenza è il 23 aprile ma non è un termine imperativo perché le istanze si potranno presentare fino al momento in cui lo stato passivo verrà omologato dai giudici. Le domande saranno analizzate in tempi lunghissimi, dato che si tratta di decine di migliaia e c’è quindi molto tempo a disposizione.

La procedura è semplice. I vari comitati ed associazioni mettono a disposizione i fac-simile e le istruzioni. L’invio deve avvenire mediante raccomandata oppure pec (le email sono le seguenti: lcabancapopolaredivicenza@pecliquidazioni.itper la Popolare di Vicenza;  VenetoBancaSpa.inliquidazioneCA@cert.venetobanca.it per Veneto Banca). Se non si dispone di un indirizzo di posta certificata, le comunicazioni dei commissari saranno depositate in Cancelleria.

 

Ecco le categorie interessate:

  • Obbligazionisti subordinati non indennizzati – si domanda il riconoscimento del credito e si può anche chiedere un risarcimento del danno.
  • Obbligazionisti subordinati indennizzati – l’indennizzo ottenuto non comporta rinuncia a richiedere la differenza e lascia salvo il diritto al risarcimento del danno.
  • Azionisti – si può richiedere il risarcimento del danno. Non si può richiedere invece alcun credito perché l’azionista è socio della banca e non creditore.
  • Azionisti che hanno accettato la transazione offerta due anni fa – non possono domandare nemmeno i danni perché si è sottoscritto un accordo con cui si rinuncia a ogni altra pretesa.

Riguardo il risarcimento del danno è difficile che la richiesta venga accolta dal Tribunale perché per molto tempo non esisterà una sentenza passata in giudicato che lo accerti assieme alle responsabilità degli amministratori. Ciò è mitigato dal fatto che non ci sarà riparto: se anche una combinazione di eventi portasse ad erogazioni, queste saranno esigue ed avverranno chissà quando.

Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

Pagamenti online, l’importanza di ricevere gli sms

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Ti può anche interessare

UniCredit, cessione di npl in Bulgaria

Operazione da 84 milioni di euro sui crediti sofferenti per il gruppo guidato da Jean Pierre Mustier ...

iShares e Deutsche Bank Private Banking: incontra le due realtà oggi nel webinar delle 16.00

Il webinar, organizzato da Bluerating, punta a fornire risposte puntuali a consulenti finanziari e p ...

Fineco campione del digital banking ai FintechAge Awards

Con la cerimonia di premiazione è iniziata ieri sera la 19ma edizione di ITForum. Ecco l'elenco di ...