Consulenti, le sanzioni cambiano faccia

A
A
A

Sarà prevista una sola fase di istruttoria per la quale saranno competenti due nuovi uffici di Ocf

Marco Muffato di Marco Muffato13 aprile 2018 | 09:02

“Il regolamento intermediari è stato finalmente approvato in via definitiva, non ci sono state sorprese ed è stato confermato l’approccio proposto dalla Consob in consultazione. Le disposizioni sono perfettamente aderenti a Mifid e ciò ha comportato un particolare rigore, in special modo nella disciplina dei consulenti finanziari autonomi e delle società di consulenza finanziaria. L’Organismo applicherà le disposizioni con altrettanto rigore ed equilibrio”.

La roadmap sarà rispettata
È palesemente soddisfatta Carla Rabitti Bedogni (nella foto), presidente dell’Organismo di vigilanza e tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari (Ocf): il regolamento intermediari era l’ultimo atto necessario per mettere in pista l’Ocf che verrà, con le tre sezioni e la vigilanza sugli iscritti. Ne chiediamo conferma al presidente: dopo il regolamento intermediari possiamo considerare la roadmap definitiva? “Ocf è pronto per rispettare i tempi della roadmap”, risponde la Rabitti Bedogni.

In attesa del Mef
“È stata messa in piedi l’organizzazione che ci consentirà l’avvio delle funzioni ma per l’esercizio in concreto delle attività occorrono provvedimenti del Mef (il Ministero dell’Economia e delle Finanze, n.d.r.) e della Consob. Le interlocuzioni con le autorità competenti sono già iniziate da tempo; ci auguriamo che queste possano rispondere nei tempi previsti in modo tale da poterci consentire di rispettare la roadmap. La data effettiva di partenza del periodo transitorio dipende dalle autorità, Ocf è pronto a dare avvio a tale fase fin dal mese di aprile. Proseguono nel frattempo i lavori per la individuazione degli ulteriori documenti di governance che ancora mancano per definire completamente l’assetto del futuro Ocf. I protocolli di intesa, in corso di definizione con le autorità, ci consentiranno poi di scambiare informazioni per rendere efficiente l’esercizio dei nostri poteri di vigilanza”.

Il procedimento sanzionatorio
Ora i tempi sono sempre più stretti, come l’Ocf si sta organizzando dal lato delle funzioni di vigilanza? “Attualmente l’Organismo”, conclude la Rabitti Bedogni, “ha approvato una nuova struttura di governance al fine di rendere compatibili i meccanismi decisionali degli organi che lo compongono con i principi stabiliti dalla normativa primaria e secondaria che disciplina l’esercizio delle nuove funzioni. Le modifiche organizzative riguardanti la governance sono finalizzate quindi a garantire che la nuova struttura sia conforme a quanto stabilito dal secondo comma dell’articolo 196 del Tuf. La struttura prevede l’articolazione del procedimento sanzionatorio in un’unica fase istruttoria di competenza di due nuovi uffici di Ocf: l’ufficio di vigilanza dell’Albo e l’ufficio sanzioni amministrative. Tali uffici sono incardinati in una struttura dedicata alla vigilanza a cui è preposto il segretario generale, nominato dal Comitato direttivo. Lo statuto di Ocf prevedrà quindi l’istituzione di un organo deliberativo, il Comitato di vigilanza, competente esclusivamente ad assumere le decisioni inerenti la vigilanza e assolutamente indipendente.


1 commento

  • roberto naponiello says:

    Prima di tutto mi complimento con Marco Muffato per la completezza dell’ articolo. Tuttavia, senza voler dissacrare gli sforzi di chi si sta prodigando tanto per l’ Albo Unico manca ancora un paletto foindamentale: un regolamento Consob che sia esclusivamente per i consulenti finanziari indipendenti o autonomi e le società di consulenza finanziaria che dica a chiare lettere che non è destinato agli intermediari, appurato che questi non gestiscono, non collocano e quindi non intermediano assolutamente nulla. Non credo che sia così difficile stilare il documento dal momento che la Consob e l’ OCF si stanno periziando a tutto campo per ottenere un regolamento che sia chiaro, trasparente e non lasci ombre a dubbi e confusioni di sorta. Se si ceraca davvero la precisione, bene, è arrivato il momento di dimostrarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Le pagelline dei conti delle reti (quotate)

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

ConsulenTia18, tre momenti targati Anasf

Consulente, fotografia di una professione

CheBanca!, ora pagare Anasf è più facile

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Consulenza, l’indecisione fa male al portafoglio

Anasf day, impressioni di settembre

Consulenti, il giusto mix per la formazione

Consulenza, il gestito che fa gola alle famiglie

Lo spauracchio di una patrimoniale a sorpresa

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Consulenza previdenziale: gli etf piacciono ai fondi pensione

C’è un Plus nella produzione di Fineco

Consulenti, come vivere di rendita: atto V

La consulenza robotica a spasso per l’Italia

5 fragranze per una consulenza irresistibile

Mediolanum, consulenza sotto la Madonnina. Affittato da Cattolica Palazzo Biandrà

Tutta la consulenza di ITForum 2018

ITForum 2018, tutti gli ingredienti di una gustosa ricetta

Consulenti, tecnofobia pussa via

Consulenti, come vivere di rendita: atto IV

Consulenza, la strada per il futuro parte da Padova

Direzione e rete, galassie distanti

La consulenza senza peli sulla lingua

Consulenza un tanto al chilo

Ascosim punta tutto sulle Scf

L’onda lunga della consulenza

Advice Revolution

Addio Finanza & Futuro

Azimut, arriva il cedolone

Anasf in diretta dal Parlamento

Ti può anche interessare

Riciclaggio, sospeso cf coinvolto nel caso Maniero

Il consulente, originario di Fucecchio, è rimasto coinvolto nell’inchiesta penale del Tribunale d ...

Nomura strappa un top manager a Deutsche Bank

Arruolato Hugh Karseras come amministratore delegato e chief operating officer della divisione Glob ...

Consulenti sempre più sul trono del gestito

Importante crescita della raccolta segnalata da Assoreti. Il 75% degli apporti netti dell’industri ...