Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

A
A
A

Come affrontare ogni imprevisto, anche il meno raccomandabile

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti18 aprile 2018 | 10:59

Si parla spesso, nell’ambito degli approfondimenti dedicati alla professione del consulente finanziario, di come comportarsi con i propri clienti. L’approccio, il tono della voce, il linguaggio non verbale, l’abbigliamento e chi più ne ha, più ne metta. Purtroppo però la vita lavorativa deve fare i conti anche con l’imprevedibilità dell’esistenza umana; e se è sacrosanto essere preparati su come comportarsi al meglio, è altrettanto importante non farsi trovare spiazzati quando ci capita di doverci rapportare con il peggio.

Sono infatti diversi gli elementi che, volenti o nolenti, rischiano di inficiare il positivo incedere di un nostro incontro professionale. Momenti imbarazzanti dettati da una svista, un’incuria o semplicemente dalla sfortuna. Abbiamo provato a elencarvene alcuni, cercando di riflettere su come minimizzare il rischio che questi possano stravolgere negativamente i vostri buoni propositi. Con un tocco di ironia e una manciata di pragmatismo.

La pezzata prepotente

Alzi la mano chi non ha mai dovuto fare i conti con delle ascelle che piangono, specie in un settore che vuole un dress code rigoroso composto da giacca, camicia e cravatta anche con 50 gradi all’ombra. Si può essere formidabili venditori e poi perdersi in un bicchiere di sudore. Anche se non soffrite di iperidrosi, una buona strategia può essere quella di acquistare degli appositi “assorbenti ascellari”, disponibili su svariati siti di e-commerce (ad esempio Amazon). In alternativa, o in combinazione, sono diversi i deodoranti che garantiscono il plus del “no alone”; cercando di capire se si tratti anche di un supporto per momenti di solitudine, non vi resta che provarlo.

L’etnico della sera prima

Evitate, fatelo per voi stessi e per gli altri. Spezie e scofanate da oscar lasciatele al weekend. Ma se proprio non siete riusciti a farlo (magari siete stati invitati a una cena di compleanno in un “posto buonissimo, ti piace il piccante vero?”), cercate di limitare i danni. Per farlo un’idea potrebbe essere quella di assumere contestualmente degli integratori per la stabilizzazione della flora gastrointestinale, unitamente a prodotti con carbone attivo. Dopodiché abbandonatevi nelle mani del destino.

Alito da schiaffi

Qui la questione si fa abbastanza semplice. Salvo un’endovena a base d’aglio di prima mattina (in questo caso meglio ritirarsi a vita privata), prima di ogni incontro importante non dimenticate la mentina d’ordinanza. Dopo aver ovviamente lavato i denti e fatto opportuni sciacqui con il collutorio.

Polvere di stelle

Se non si tratta di glitter figli della serataccia glam del giorno prima, quello che vi capita di vedere sul vostro colletto è comunemente riconducibile alla forfora. Se siete degli sforforatori patentati, meglio optare per abiti chiari evitando outfit in stile Le iene. Controllate costantemente lo status dei vostri vestiti e contattate quanto prima un buon dermatologo per avviare un processo virtuoso di idratazione della vostra cute.

Allergia portami via

Il raffreddore stagionale è un grande classico in tema di imbarazzi lavorativi. Una volta travolti c’è poco da fare, se non armarvi di fazzoletti e appositi spruzzini nasali decongestionanti. In questo caso la prevenzione è tutto: studiatevi il bollettino dei pollini e agite di conseguenza dopo aver discusso con il vostro allergologo.

La macchia mediterranea

Se vi macchiate prima di un importante incontro, dovrete usare le vostre abilità da trasformista dell’ultima ora. Sulla camicia? Chiudete la giacca. Sulla giacca? Levatela (sperando che non sia inverno). Sul colletto? Piegatelo all’interno come se foste dei romantici baronetti di epoca vittoriana. Insomma date libero sfogo alla vostra fantasia.

Perché al di là delle prediche e delle ovvie indicazioni, forse è proprio questa la vera ancora di salvezza di fronte a ogni avversità lavorativa. E forse della nostra intera esistenza.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Una Fideuram da record

Repulisti in casa Ubi Banca

Banco Desio, una semestrale all’insegna della solidità

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Banca Generali, gestito e assicurativo fanno bella la raccolta

Semestrali, Widiba sfonda il breakeven

Intesa Sanpaolo, wealth management in chiaroscuro

Reclutamenti, la squadra di Rebecchi è al top

Ti può anche interessare

Reclutamenti, Fideuram cala il tris d’assi

Ben 14 nuovi ingressi per la rete di casa Intesa Sanpaolo... con tre volti di rilievo ...

Ubi Banca allarga il nostro mondo

Widening Our World è il titolo della nuova edizione dell’International Banking Forum ...

Widiba cresce a Milano con Chougara

Altro ingresso in rosa nella squadra dell’am Roberto di Mario. ...