Fineco, la santa alleanza tra robo advisor e cf

A
A
A

La rete del gruppo Unicredit ha presentato oggi il nuovo servizio di consulenza Fineco Plus, una piattaforma tecnologica a disposizione dei consulenti finanziari che potenzia i servizi di diagnosi e reportistica personalizzata.

Marco Muffato di Marco Muffato18 aprile 2018 | 14:32

Nel segno dell’alleanza tra robo advisory e consulenti finanziari, Finecobank ha presentato oggi a Milano “Fineco Plus”, la nuova piattaforma di consulenza multicanale, integrata nel conto corrente e attraverso la quale consulenti e clienti potranno monitorare gli investimenti con una precisione di dettaglio mai attuata in precedenza dalla banca. Un caso concreto di fatto di come la Mifid 2 stia spingendo i competitor della consulenza finanziaria a una trasparenza e chiarezza maggiore e più proficua sul terreno della relazione tra professionisti e risparmiatori. Con Fineco Plus l’intero ciclo di vita della consulenza si svolge in modalità digitale e paperless: dalla diagnosi, all’attivazione del servizio, al monitoraggio, fino alla reportistica. “Plus”, ha spiegato Paolo Di Grazia (nella foto), vice direttore generale di FinecoBank, “rappresenta l’evoluzione del concetto di cyborg advisory, con il cf al centro della strategia contornato dalla tecnologia messa a disposizione da Fineco. Il sistema è focalizzato su due pilastri: il primo motore che crea l’asset allocation e i portafogli e il secondo che offre una rappresentazione delle performance della consulenza in un orizzonte temporale. Di fatto Fineco Plus è un robo advisor gestito dal consulente”.

Le differenze con il servizio Advice. Fineco Plus segue in ordine di tempo “Advice”, l’altra piattaforma di consulenza messa in campo dalla banca guidata dall’a.d. Alessandro Foti, oggi utilizzata da 2000 dei 2600 consulenti finanziari e con un perimetro di masse sotto advisory pari a 7,5 miliardi di euro. Le differenze tra le due piattaforme sono le seguenti: costi e strumenti sotto consulenza. Fineco Plus ha un sistema di remunerazione del tipo “fee on top”, cioè con una fee massima dell’1% (“che varia a determinate condizioni di asset class”, ha spiegato Di Grazia in  conferenza stampa) più le commissioni tradizionali sul prodotto, mentre “Advice” ha una tariffazione “fee only” (a parcella, senza altre commissioni sui prodotti inseriti nel portafoglio sotto consulenza) che può arrivare a un tetto di 2,20%. La seconda differenza è nel perimetro dei prodotti inseriti nella consulenza che è più ampio nel caso di Fineco Plus, che prevede fondi, Etf, azioni e obbligazioni mentre Advice è sostanzialmente centrata sui fondi e in parte Etf.

Il target. Tra i due servizi non ci sono differenze sul target: sono entrambi indirizzati ai già clienti e a nuovi e potenziali clienti, indipendentemente dall’entità del patrimonio investito. Riguardo Fineco Plus, con la sua ampia diagnosi del portafoglio  (relativa a performance in un arco temporale, eventi macroeconomici accaduti nel periodo di osservazione, confronto tra performance portafoglio e andamento degli indici, cedole e dividendi, indice di efficienza del portafoglio in termini di rischio rendimento, indice della qualità degli strumenti in portafoglio, grado di diversificazione del portafoglio), può aiutare significativamente il consulente ad acquisire clienti con investimenti presso altri intermediari o a convincere clienti fai da te di Fineco a farsi assistere. Può rivelarsi un efficace supporto anche con i clienti già serviti da tempo purché il consulente Fineco, una volta mostrata la differenza tra la pianificazione attuata e quella proposta da Fineco Plus nella simulazione migliorativa in termini di rischio/rendimenti e mix di diversificazione degli strumenti riferita agli anni precedenti, sappia rispondere efficacemente alla possibile obiezione del cliente, “Scusa, allora avrei potuto guadagnare di più in questi anni?”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Che forza la raccolta di Fineco

Foti (Fineco): “Così cresciamo e cresceremo con la nostra rete”

Raccolta giugno, testa a testa tra Foti e Mossa. Fideuram leader tra i gruppi

Meraviglia per Fineco

Reti, i benefit per i top manager

 Fineco batte due colpi in Lombardia e Piemonte

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Stop di due mesi per un ex Fineco

Rating etico, conferma per Fineco

FinecoBank, due colpi in Veneto

La Consob colpisce a Perugia: radiato ex Fineco

Fineco campione del digital banking ai FintechAge Awards

Addio all’Albo per un ex Fineco

C’è un Plus nella produzione di Fineco

Procapite, i Life Banker di Rebecchi soli al comando

FinecoBank regina di aprile, Allianz Bank guida il gestito

Ecco la cyborg advisory di Fineco Plus

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Tutte le sorprese di Fineco all’ITForum

Fineco Asset Management, pronti via

Fineco, che tris in Emilia Romagna

Fineco, una trimestrale tutta d’oro

Fineco comanda, Fideuram vince nel gestito

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

Il treno degli incentivi di Fineco. Ma non per tutti…

Fineco, corre la raccolta nel trimestre

Le donne d’oro, Mosca (Fineco): “Relazioni di qualità con il cliente”

Fineco, il futuro è private

Fineco, Foti tra i big manager d’Europa

Prodotti guidati, benzina per la raccolta di Foti

Fineco, il turbo della nuova sgr

Fineco, a forza 4 nel reclutamento

Foti (Fineco): “Perché la Mifid 2 è una grande opportunità”

Ti può anche interessare

Consulenti, radiazione per un ex Fineco

Radiazione per Roberto Troiani, ex consulente che ha commesso diverse irregolarità ...

I conti in tasca al consulente: quanto esce tra Consob, Enasarco e Ocf

Dopo l’approfondimento sul dovuto (non solo per i consulenti) per il contributo annuale 2018 d ...

ConsulenTia18, tre momenti targati Anasf

Vediamo insieme gli appuntamenti firmati dall'associazione ...