I fondi di Sofia ora sono di Azimut

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 25 Maggio 2018 | 09:02
Completata da parte della sgr del gruppo, che fa capo a Paolo Martini, l’acquisizione del ramo d’azienda relativo alle gestioni della società in amministrazione straordinaria.

L’operazione era stata già annunciata nel febbraio scorso e ora si è conclusa definitivamente. Azimut Holding , tramite la controllata Azimut Capital Management Sgr, ha perfezionato l’acquisto del ramo d’azienda di Sofia Sgr (dedicato alla gestione collettiva del risparmio e alla gestione individuale dei portafogli.

L’operazione fa sì che quattro fondi comuni di investimento precedentemente gestiti da Sofia Sgr passsino sotto le insegne di Azimut assieme a 40 consulenti finanziari, ai quali sono riconducibili assets under management pari di circa 950 milioni (dato al 23 maggio 2018).

Come annunciato lo scorso 19 febbraio, Azimut Sgr ha corrisposto a Sofia (società oggi in amministrazione straordinaria) un corrispettivo base di 3 milioni di  euro; l’eventuale residua parte variabile del prezzo sarà corrisposta decorsi ventiquattro mesi dal closing e sarà determinata in base al volume e alla redditività netta degli asset under management trasferiti ad Azimut Sgr.

Paolo Martini (nella foto), ceo di Azimut Sgr ha commentato: “Questa operazione si inserisce nella più ampia strategia di crescita di Azimut Capital Management Sgr in Italia, dove da sempre ci distinguiamo quale punto di riferimento per consulenti finanziari e per boutique di settore interessati ad accedere ad una piattaforma aperta di prodotti e servizi di elevata qualità caratterizzata da un contesto lavorativo indipendente e fortemente orientato al business. Con l’integrazione del ramo di Sofia, oltre ad accrescere la struttura di rete e la divisione Wealth Management, con l’arrivo di 40 nuovi colleghi, inseriamo anche 4 professionisti nell’area delle gestioni patrimoniali di Azimut Capital Management, il cui patrimonio oggi supera i 6 miliardi di euro in Italia, e 2 professionisti nell’area gestione fondi e advisor, rafforzando ulteriormente un segmento rilevante a beneficio della clientela, attuale e potenziale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut punta sulla corporate finance

Martini (Azimut): “Essere Private Banker 3.0”

Azimut, ecco la scatola dei Pir

Azimut, un master per i nuovi wealth manager

Martini (Azimut): “Trasformate i vostri clienti in fan”

Azimut, la raccolta cresce con la spinta americana

Azimut ed Epic, doppio assist per l’Udinese

Consulenti, banche reti a prezzo di saldo

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Azimut, dieci regole per essere un consulente guida

Azimut Libera Impresa, affare modenese nella ceramica

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Azimut: la raccolta va, tra Australia e alternativi

Azimut, più forza negli States grazie a Genesis

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Consulente-terapista, per Martini (Azimut) questo è il futuro

Consulenti, l’ufficio è superato. Parola di Martini

Martini (Azimut) ha la soluzione per il denaro sprecato degli italiani

Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

Giuliani (Azimut), la correzione e la regola di un terzo

Azimut, raccolta di fuoco e ritorno di fiamma

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Perfomance fee, Azimut e il colpaccio di giugno 

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

NEWSLETTER
Iscriviti
X