Nuovo Albo, Nafop e un sogno (prima) di mezza estate

A
A
A

Dopo la pubblicazione del nuovo statuto Ocf, l’associazione nazione dei consulenti autonomi auspica l’avvio della preiscrizione per i fee only entro l’estate

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti30 maggio 2018 | 09:03

Il mondo fee only non vede l’ora di partire con il nuovo Albo. Dopo l’approvazione del nuovo statuto Ocf, Nafop, associazione nazionale dei consulenti autonomi, ha evidenziato, in primo luogo con il presidente Cesare Armellini, la propria soddisfazione con un post su LinkedIn.

“Garantita la rappresentatività per i consulenti indipendenti e le scf. Un ulteriore passo verso una sempre maggior diffusione della consulenza finanziaria indipendente anche in Italia”.

Gli fa eco il portavoce dell’associazione, Luca Mainò, che sottolinea a Bluerating.com altresì le tempistiche previste di iscrizione per tutti quei professionisti interessati all’attività fee only:

“Adesso è importante che a brevissimo sia possibile presentare le richiesta di iscrizione da parte dei Consulenti Indipendenti e delle Società di Consulenza Finanziaria già operative.

Ci piacerebbe poter avviare il processo prima delle vacanze estive, in modo che l’OCF abbia tutto il tempo per poter valutare le richieste con tranquillità entro il 1° dicembre, data a partire dalla quale il nuovo albo dovrà essere operativo per Legge.

Gli attuali promotori e bancari che vogliano passare alla consulenza fee only, come professionisti o con una propria srl, potranno presentare le richieste a fine anno ed essere operativi all’inizio del 2019.

Con la nostra associazione NAFOP e con il team di legali che ci assiste, stiamo lavorando full immersion su vari fronti (procedure interne, policy legate a tutti gli aspetti legati a normativa e regolamenti, contrattualistica Mifid2 compliant e GDPR compliant,  nuovi sistemi di profilatura, ecc.) al fine di poter dare ai nostri associati tutto il supporto necessario per presentare subito la richiesta di iscrizione all’Albo”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ocf, cresce il popolo degli autonomi

Ocf e indipendenti: solo 80 nominativi hanno fatto richiesta

Autonomi e scf, il rebus dei “ritardatari”

Ti può anche interessare

Banche popolari, così sostengono il terzo settore

Nel 2017, il credito verso le imprese no-profit e il terzo settore è stato pari a 2,7 miliardi di e ...

Credem finanzia lo Stato di ebbrezza (al cinema)

La banca, come riferisce L'Economia del Corriere, ha seguito l'esempio di altri istituti approfittan ...

Bufi (Anasf): “Altre associazioni in OCF? Benvenute se rappresentative”

Il presidente dell’associazione di categoria dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuo ...