Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

A
A
A

Mercato effervescente
 in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti21 giugno 2018 | 10:53

Il recruiting non dorme mai. Perlomeno nel mondo della consulenza finanziaria associato alle reti di distribuzione, caratterizzato da una forte attenzione alle singole professionalità. Da sempre infatti gli advisor sono contesi tra i competitor del mercato, vuoi per le loro competenze tecniche, vuoi per il portafoglio che solitamente si portano in dote; dinamiche che hanno coinvolto costantemente il settore, ma che con l’effetto di Mifid 2 potrebbero subire alcune variazioni. Già, perché la direttiva implica il suo carico da 90 legato alla trasparenza, con tutto ciò che ne consegue in termini di politiche di remunerazione e quindi, volenti o nolenti, di ingaggio.

RICHIESTE IN CRESCITA-  
Secondo E-work, una delle maggiori agenzie per il lavoro italiane, tutto ciò starebbe rendendo più vivace il mercato dei professionisti.  Negli ultimi mesi, “anche in relazione alla nuova normativa, che di fatto ha portato a
una redistribuzione delle professionalità in funzione delle politiche remunerative legate al portafoglio, sono cresciute le richieste di consulenti finanziari e private banker, soprattutto in alcune regioni particolarmente rappresentative del mercato come Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto” spiega Marco Dari 
(nella foto), responsabile dell’area finance della società. Se quindi 
le acque sembrano muoversi con maggiore vigore, non è altrettanto scontato comprendere se si tratti
di un trend destinato a durare nel tempo. “È difficile dirlo. Per gli
 ex promotori queste dinamiche potrebbero anche esaurirsi per selezione naturale, con i consulenti più skillati e quelli con i migliori requisiti quantitativi di portafoglio che troveranno ragionevolmente adeguata collocazione per primi. Per contro riteniamo che si rafforzerà la tendenza che vede impegnati nelle ricerche di nuove opportunità professionali tutti
 quei profili che interpretano nel modo più corretto il cambiamento epocale in atto nel sistema bancario italiano, con particolare riferimento alle modi che relative ai sistemi remunerativi e premianti. La professione di addetto alla gestione e alla relazione con la clientela, fornisce già oggi anche ai bancari la possibilità di confrontare il loro ruolo da semplici dipendenti, 
con un ruolo più imprenditoriale
 e autonomo che ha similitudini con i consulenti finanziari. E sarà su queste figure che vedremo una rilevante crescita di interesse a valutare cambiamenti e proposte di riallocazione”. Allargando quindi
 il nostro orizzonte d’osservazione, possiamo dire che Mifid 2 porterà con sé probabilmente, per lo meno nel breve periodo, più opportunità di lavoro per i professionisti della finanza.

EFFETTI DA STIMARE – 
Ma come si tradurrà tutto ciò a livello di dinamiche societarie? Questa volta la domanda l’abbiamo posta a Marco Mazzoni, presidente della società di consulenza strategica Magstat, che invita alla calma: “Impossibile per ora stimare in maniera assoluta gli effetti che
la Mifid 2 avrà sui bilanci delle private bank e sulle politiche di reclutamento. Sulla spinta della normativa molte realtà più piccole sono destinate ad aggregarsi. Saranno premiati quelle realtà indipendenti, boutique e multi family office, che offrono una consulenza fee only; su questo filone di business non impattano 
i tagli che stanno interessando gli altri ambiti del settore
 bancario. Questo perché il wealth management sta contribuendo in modo significativo alla generazione di ricavi ricorrenti, accompagnata da un basso assorbimento di capitale”.

QUALITÀ PIÙ CHE QUANTITÀ  – Insomma un occhio particolare
 alla qualità, ma non solo. Riprende la parola Dari: “Bisogna dire
 che, nonostante un importante effetto prodotto dalla Mifid 2 sia quello di privilegiare le qualità culturali e professionali rispetto alla quantità del portafoglio clienti, le reti tendono a privilegiare in buona parte l’aspetto quantitativo. Ciò può trovare spiegazione col fatto che gli economics collegati alle proposte di assunzione o
di incarico siano facilmente parametrabili ai numeri rappresentati dalle dimensioni di portafoglio più che ad altri fattori”. Tirando le somme si può dire che Mifid 2 sembra aver portato un riposizionamento dell’offerta di consulenza finanziaria in Italia.
 Se i segnali ci sono, è tuttavia ancora presto per lanciarsi in bilanci definitivi. Chi vivrà
 vedrà, per dirla come una vecchia canzone. E magari recluterà.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sgr, reti e consulenti sotto la lente della Consob

I consulenti non sanno vendere le small cap

Polizze vita, tra i consulenti vanno a ruba

Consulenti, cresce la minaccia dei robo advisor

Oggi su BLUERATING NEWS: Mifid 2 sotto la lente

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Anasf, prosegue Pianifica la Mente

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenti, Efpa meeting in rampa di lancio

Consulenti, maggio fa il pieno di fee only

Consulenti, CheBanca! ospita Anasf a Napoli

Consulenti, ecco come banche e reti fanno pressioni commerciali

Azimut, faro su Londra

I sindacati contro Poste Italiane: troppe pressioni commerciali ai consulenti

Consulente, se nasci quadrato puoi morire tondo

Consulenti rassegnatevi: conta solo il portafoglio

Consulenti, i segreti di un giovane talento Widiba

Credem: banca e rete, sinergie vincenti

Consulenti, Widiba finalmente in utile

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Fed, sui tassi porta in faccia a Trump

Consulenti: diversificare con le polizze, vi insegno come

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Widiba alla bolognese

Reti Champions League, collegamenti impossibili

La consulenza a doppio malto

Consulenti, persona giuridica? Anche no

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Consulenti: come e perchè far fare un check-up patrimoniale

Mediolanum, Doris come Capitan America

Azimut, vincenti perché indipendenti

Consulenti: se tu recluti, io ti pago

Bufi: è un’Anasf pragmatica

Ti può anche interessare

Catania (McKinsey): “Valorizzare il ruolo del consulente”

Cristina Catania, partner McKinsey & Company, durante il convegno Assoreti ‘Consulenza e wealt ...

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Perché i cf sono avvantaggiati rispetto ai tradizionali istituti di credito. L'analisi di Nicola ...

Cassazione, arriva la beffa dei buoni postali

I tassi d'interesse dei buoni emessi prima del 1999 possono essere rivisti con un decreto ministeria ...