Mps, avanti sulla cartolarizzazione delle sofferenze

A
A
A

Perfezionata con Quaestio Capital Sgr S.p.A., per conto di Italian Recovery Fund (ex Fondo Atlante II), la cessione del 95% delle junior notes di nominali 565 milioni di euro, relative alla cartolarizzazione del portafoglio di sofferenze del gruppo.

Chiara Merico di Chiara Merico25 giugno 2018 | 09:08

L’OPERAZIONE – Banca Mps ha fatto sapere che è stata perfezionata con Quaestio Capital Sgr S.p.A., per conto di Italian Recovery Fund (ex Fondo Atlante II), la cessione del 95% delle junior notes di nominali 565 milioni di euro, relative alla cartolarizzazione del portafoglio di sofferenze del gruppo Mps. Questa operazione, informa una nota, facendo seguito alla cessione del 95% delle mezzanine notes* di nominali 847,6 milioni di euro, avvenuta il 9 gennaio 2018 sempre all’ Italian Recovery Fund, segna il completo raggiungimento degli obiettivi previsti dagli accordi sottoscritti con Quaestio Capital Sgr S.p.A. il 26 giugno 2017, che prevedevano l’acquisizione da parte di quest’ultimo delle tranches mezzanine e junior della cartolarizzazione del portafoglio di sofferenze del gruppo Mps entro il 30 giugno 2018. L’operazione complessiva, sottolinea la nota, rappresenta la più grande cartolarizzazione mai fatta a livello europeo e segna un passaggio significativo nel percorso, previsto dal piano di ristrutturazione 2017-2021, approvato in data 4 luglio 2017 dalla Commissione Europea, di dismissione della quota prevalente delle proprie sofferenze da parte del Gruppo Mps. La cessione delle junior notes, in aggiunta a quella delle mezzanine notes e alla totale esternalizzazione delle attività di recupero del portafoglio, comporta infatti in pari data il deconsolidamento del portafoglio cartolarizzato, per un valore lordo pari a circa euro 24,1 miliardi (valore netto di euro 4,3 miliardi). Relativamente agli impatti economici della cartolarizzazione e del deconsolidamento, si ricorda che gli stessi sono stati già contabilizzati nell’esercizio 2017.
* il 5% delle note junior e mezzanine è stato trattenuto dal gruppo Mps ai fini del rispetto della retention rule.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mps, nuovo deal con Illimity sugli npl

Officina Mps: al via la call sull’open banking

Mps, Mussari e Vigni condannati a 7 anni

Mps, rallentano utili e ricavi

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Mps, avanti con la ristrutturazione della rete

Cardamone, da Widiba alla consulenza

Banche, il risveglio dei bond

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

Mps, exit strategy del Mef

Mps, boom del bond

Mps, i pm chiedono 8 anni per Mussari

Mps, pulizia da 8 miliardi

Mps e i preparativi per le nozze

Mps, i 2 paperoni di Widiba

Diamanti in banca, partono i rimborsi

Truffa diamanti, “margini fino al 18% per la banche”

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Mps valuta il bond rateizzato

Mps torna sul mercato, bond da 750 mln

Competenze, competizione e crescita per il private di Mps

Mps torna sul mercato

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Proseguono le “pulizie” in casa Mps

Mps-Axa, ecco la fusion tra unit linked e gestione separata

Pasquini al vertice di Mps Leasing & Factoring

Mps, il private si tinge di Candriam

Si riempie l’Officina Mps

Mps affida la finanza a Rovellini

Private, si rafforza l’alleanza tra Mps e Allianz Gi

Mps, Foltran alla guida dell’area mercati e prodotti wealth management

Widiba più forte con 70 milioni

Mps, gran rientro nel mercato obbligazionario

Ti può anche interessare

Doris attacca Del Vecchio

Per Banca Mediolanum il 3,2% di Piazzetta Cuccia non è più strategico e può essere venduto. Non p ...

Rendiconti Mifid 2, i consulenti sono contro il rinvio

Alla fine i professionisti hanno bocciato l’iniziativa congiunta di Abi, Assoreti, Assosim e Assog ...

Consultinvest: Anselmi al timone dell’asset management

Si è riunita oggi a Modena, presso la sede di Piazza Grande 33, l’Assemblea ordinaria dei Soci di ...