Preiscrizione al nuovo Albo Unico per autonomi e scf: ecco la data

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 29 Giugno 2018 | 11:21
Manca poco a questo importante step per le nuove categorie professionali

Dopo la notizia della pubblicazione del protocollo di intesa per il passaggio della vigilanza da Consob a Ocf, sono diversi i lettori che ci hanno contattato per avere delucidazioni sull’avvio dell’iter di preiscrizione per autonomi e scf.

Se su questo fronte Ocf non si è ancora espresso, stando a quanto risulta a Bluerating da alcune fonti, il prossimo 2 luglio verranno pubblicate sul sito dell’organismo tutte le informazioni necessarie per l’avvio per processo di preiscrizione.

Intanto Nafop, associazione rappresentativa del mondo dei fee only, si espressa con soddisfazione sui progressi in esame: “È stato un parto difficile, durato ben 10 anni, ma oggi finalmente si è arrivati a istituzionalizzare la consulenza indipendente che verrà prestata dai consulenti e dalle Scf. Ora bisogna procedere celermente all’iscrizione d’ufficio dei professionisti storici, i pionieri di questa professione che hanno scelto l’indipendenza come elemento cardine della professione. Nafop in tutti questi anni ha tenuto duro, lottando contro il blocco all’accesso alla professione che non consentiva uno sviluppo della consulenza indipendente a tutto svantaggio dei risparmiatori. Siamo per il libero mercato con regole semplici e chiare per tutti. Finalmente anche i giovani potranno avvicinarsi alla professione e coronare il sogno di diventare consulenti finanziari indipendenti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

3 commenti

  • Avatar Gian Paolo says:

    Cit. Chiamenti “Finalmente anche i giovani potranno avvicinarsi alla professione e coronare il sogno di diventare consulenti finanziari indipendenti”
    Ma cosa scrivi??? Cosa sai???
    Sembra che i giovani se non fanno gli indipendenti non possono fare il CF.
    La reti accolgono, formano, strutturano, controllano i giovani che vogliono fare la professione.
    Ovviamente “senza il cliente non si fa niente” e questa è la peculiarità che deve spingere ogni giovane altrimenti facciamo chiacchiere ed articoli forvianti.
    Pare che se sei giovane e CF indipendente puoi fare ció che ti pare senza controlli.
    Io invece temo sempre che l’arrivismo precoce rovini la reputazione della categoria che si trovi a subire giovani riders che guastano un albo ed organi di controllo sempre poco efficienti.

  • Matteo Chiamenti Matteo Chiamenti says:

    Gentile signor. Gian Paolo, la citazione alla quale fa riferimento, come si può facilmente desumere dalla lettura del pezzo, è di Nafop. NON è una valutazione dell’autore. Grazie mille.

  • Avatar Gian Paolo says:

    Chiedo ufficialmente scusa a Chimenti perchè nella lettura veloce non avevo notato che aveva riportato, ma le mie remore rimangono su chi langue per la scorciatoia pensando che il rapporto fiduciario si costruisca con una gratificante analisi che fra l’altro tutte le reti e banche offrono ormai senza gap fra dipendenza ed indipendenza.
    Comunque il mercato lo fa il cliente e la sua percezione del rischio anche nel rapporto fiduciario.
    Disruption, QI, IOT etc. faranno ancora più del bene a chi aggiunge questo ad una esperienza di lunga data sui rapporti con il risparmiatore/consumatore e il “finalmente” del NAFOP mi fa solo inquietare per la reputazione dell’intera categoria.
    Cordiali saluti.

ARTICOLI CORRELATI

Fee only, gli ingressi rallentano a settembre

Fee only, ad agosto arriva il bis

Fee only, luglio sfiora quota 250

NEWSLETTER
Iscriviti
X