Debutta Azimut Private Debt

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 10 Luglio 2018 | 13:53
Azimut diventa così la prima realtà in Italia a lanciare un fondo chiuso di private debt non riservato a investitori istituzionali.

IL DEBUTTO – Azimut diventa la prima realtà in Italia a lanciare un fondo chiuso di private debt, Azimut Private Debt, non riservato a investitori istituzionali. Il fondo, infatti, sarà distribuito in Italia dalla rete di consulenti finanziari e wealth manager del gruppo a investitori privati che per la prima volta potranno accedere a una asset class solitamente riservata a investitori con taglio istituzionale o clientela professionale. Il fondo Azimut Private Debt, gestito da Azimut Capital Management Sgr, è un fondo di investimento alternativo con durata di 7 anni (più eventuale proroga di 3 anni). L’importo minimo di sottoscrizione per la clientela privata è di 25mila euro. Azimut, che ha da sempre nell’innovazione di prodotto un punto di forza importante, consolida il proprio impegno nel mondo degli investimenti alternativi ed in particolare negli illiquidi che comprendono asset non negoziati sui mercati tradizionali, come quelli azionari e obbligazionari, e che per questo motivo risultano meno negoziabili (illiquidi) ed incorporano generalmente un premio per la mancata liquidabilità oltre ad avere un andamento meno correlato a quella dei mercati tradizionali. All’interno dell’universo degli illiquidi, il private debt identifica in particolare diverse asset class che si caratterizzano per il fatto di non essere quotate su mercati regolamentati , tra cui ad esempio i prestiti a medie imprese (prestiti garantiti, debito senior, obbligazioni high yield, credito mezzanino/hybrid) e le asset-backed securities o cartolarizzazioni con diversi sottostanti.

GLI OBIETTIVI – Il fondo Azimut Private Debt ha come obiettivo il perseguimento di un ritorno assoluto attraverso l’investimento in:

  • titoli di credito o cartolarizzazioni fino ad un massimo del 70% dell’ammontare complessivo sottoscritto;
  • strumenti obbligazionari emessi da aziende italiane;
  • quote/azioni di OICR alternativi di tipo chiuso;
  • quote/azioni di OICR di tipo aperto;
  • liquidità e in strumenti finanziari altamente liquidabili.

Azimut Capital Management Sgr, per una miglior strutturazione del portafoglio del fondo, ha conferito la delega di gestione parziale a primari intermediari italiani e nello specifico a P&G Sgr S.p.A, DeA Capital Alternative Funds Sgr S.p.A, Green Arrow Capital Sgr S.p.A per la loro comprovata esperienza in particolari categorie di strumenti finanziari di credito. Paolo Martini, amministratore delegato di Azimut Capital Management Sgr, dichiara: “Azimut conferma ancora una volta di essere tra le società più innovative del settore muovendosi per prima nell’offrire ai clienti privati la possibilità di accedere ad una asset class riservata finora solo ad investitori istituzionali o clienti professionali. In un contesto di tassi a zero l’universo degli investimenti illiquidi e del private debt rappresenta un’importante opportunità per diversificare e ottenere rendimenti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, tutte le nuove sfide di Giuliani

Azimut, tanti ex di Euromobiliare (e non solo) per la rete

Azimut, la raccolta di marzo ciliegina di un trimestre col turbo

NEWSLETTER
Iscriviti
X