Consulenza, cosa ci può insegnare l’Olocausto

A
A
A
Avatar di Redazione 11 Luglio 2018 | 09:47
Gli insegnamenti di un deportato di Auschwitz utili per la professione

“Non amare il successo. Quanto più lo ami e lo prendi come un obiettivo, più ti allontanerai da lui. Il successo, così come la felicità, non può essere perseguito; deve accadere, e accade solo come effetto collaterale di una dedizione personale a una causa più grande di se stessi o come prodotto della dedizione a una persona che non è se stesso. La felicità deve accadere, e lo stesso vale per il successo: devi lasciarla accadere anziché preoccuparti per lei”. Viktor Frankl.

Victor Frankl, nel settembre 1942, entrò insieme alla giovane moglie Tilly Grosser nel lager nazista di Theresienstadt (Böhmen), da cui venne trasferito, nel 1944, prima ad Auschwitz e poi a Kaufering III e a Türkheim. Pur essendo psichiatra non entrò da medico, quanto da internato. Era uno dei tanti, una matricola, questa matricola: 119.104. In quell’inferno non poté fare altro che fare appello alle sue risorse umane e morali. Solo così riuscì a trovare un significato all’inferno che stava vivendo. Con i suoi amici di sventura cercò di condividere l’entusiasmo per la lotta, per lo sforzo di difendere sempre la propria dignità di uomo. Imparò a saper sorridere anche nelle sofferenze più atroci e feroci della vita.

Serve uno scopo nella vita È proprio nei lager che Frankl scoprì l’importanza di avere uno scopo nella vita nonostante tutto, quello scopo che allo stesso tempo ti potrebbe salvare la vita. Solo coloro che hanno ben chiaro nella propria mente uno scopo trovano la forza per superare quelle situazioni che tutto ti tolgono. Ed è proprio da questa esperienza che lui è arrivato a credere che “la vita non diventa mai insopportabile a causa delle circostanze, ma solo per la mancanza di significato e di proposito”. Frankl credeva con ferma convinzione che “quando non riusciamo a modificare una situazione, abbiamo la sfida di cambiare noi stessi”. Ed è proprio nella fase più tragica della sua vita che Frankl ha potuto dare un senso e significato all’esperienza. Frankl sottolinea che “anche quando tutto il resto gli viene tolto, l’uomo mantiene la sua ultima libertà: quella di scegliere sempre quale atteggiamento assumere in una determinata serie di circostanze”.

Il successo è una conseguenza Quelle di Frankl non sono solo parole, la sua è una testimonianza di vita, di chi ha continuato a sognare dopo aver perso padre, madre, fratello, e moglie incinta ad Auschwitz. Frankl afferma con una meravigliosa espressione che “è la volontà di senso dell’uomo che gli permette di resistere alla sofferenza e trovare un senso”. La storia di Frankl è un grande esempio di come poter guardare la nostra vita e il mondo con occhi sempre nuovi, con gli occhi di colui che continua a sognare nonostante tutto. Si può sempre ripartire, soprattutto quando crediamo nel nostro scopo. E chi più di lui può essere così credibile dopo tutto quello che ha passato? Uno dei suoi preziosi suggerimenti, per poter vivere una vita felice non è tanto quindi perseguire il successo, ma quanto dedicarsi a qualcosa di più grande di sé e lasciare che il successo arrivi come conseguenza inevitabile di questa dedizione. Se è vero che ogni realtà ha un senso, ognuno se vuole veramente può trovare il suo.

Un esempio per i consulenti Ogni individuo è unico, irripetibile e solo e soltanto a lui spetta la risposta da dare alla sfida. E se ci è riuscito Frankl in un campo di concentramento, quante speranze in più abbiamo noi di poterlo fare, ognuno nel proprio ruolo e contesto? Ci sono consulenti finanziari con tante difficoltà, ai loro occhi insormontabili. Una sfida che spesso li porta a mollare, a rimandare o procrastinare dimenticando che solo “chi ha un perché per vivere sopporta quasi ogni come” (Friedrich Nietzsche).

Articolo a cura di Maria Grazia Rinaldi

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

3 commenti

  • Avatar Sergio Ferrigno says:

    Associazione di pessimo gusto di scarsa efficacia.

  • Avatar Mauro says:

    Trovo il parallelo con l’Olocausto particolarmente offensivo…per favore, non tiriamo in ballo quanto di drammatico accaduto all’epoca per parlare di Consulenza…

  • Avatar Ignazio says:

    Ma state scherzando vero? Pessimo gusto

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, cosa succede ai clienti se l’Scf viene radiata

Consulenti timidoni, tre regole per fare rete

Consulenti, la scadenza Irpef slitta al 20 luglio

Consulenti, tre consigli per trovare clienti sui social

Consulenti, 11 lezioni di finanza spicciola – Il mistero del denaro

Consulenti, un moto perpetuo per la crescita

Consulenti, così potete gestire meglio il vostro tempo

Consulenti, guadagni a doppia cifra con i fondi alternativi

Consulenti, preparatevi all’arrivo della cam-bank

Consulenti, ecco come cambieranno i tuoi clienti dopo il Covid-19

Consulenti, come preparare in anticipo i vostri contenuti di marketing

Consulenti, il cliente italiano gioca in difesa

Consulenti, cosa c’è per voi nel DL Rilancio

Consulenti, 5 consigli d’oro per fare incetta di clienti

Consulenti, ad aprile torna il bonus da 600 euro

Fideuram Ispb: exploit dell’amministrato, la trimestrale ringrazia

Consulenti, guida per usare gli hashtag a vostro favore

Consulenti, scriveteci la vostra storia originale

Consulenti e smart working, occhio ai pirati del web

Consulenti, essere ambiziosi non basta

Consulenti, occhio alle facili occasioni sul petrolio

Consulenti, il Coronavirus non ferma le radiazioni

Garanzia statale, come avere il prestito in banca

Consulenti e reti, la rivoluzione dei canali digitali

Consulenti, il contributo annuale Ocf si paga a maggio

Consulenti, 5 regole d’oro per investire ai tempi del coronavirus

Consulenti, il vero virus che minaccia l’industria

Coronavirus, il cf sarà una piccola Amazon

Consulenti, ufficio vs smart working: i vantaggi e le fregature

Azimut lancia un nuovo strumento per aiutare le attività commerciali

Consulenti, c’è la luce in fondo al tunnel del Coronavirus

Consulenti e investitori, la pazienza è la virtù dei forti

Consulenti, una mano culturale contro il Coronavirus

Ti può anche interessare

Fee only, un mese tra debutti e addii

Un febbraio dai due volti per il mondo della consulenza fee only. Dopo un gennaio che aveva portato ...

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Si è conclusa il giorno 7 marzo la consultazione pubblica da parte della Consob sulla “Traspa ...

Banche, Credem tra le più solide per la Bce

Credem è tra le banche meno rischiose a livello europeo. Il verdetto della Vigilanza Bce guidata da ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X