Reti, i benefit per i top manager

A
A
A

Nomi e cognomi dei beneficiari dei sistemi incentivanti in tre grandi reti

Luca Spoldi di Luca Spoldi20 luglio 2018 | 09:16

Secondo Banca d’Italia, il quarto trimestre 2017 ha visto il flusso di attività finanziarie detenute dalle famiglie italiane crescere di 20,2 miliardi, grazie agli acquisti di strumenti in gestito (che hanno registrato un flusso positivo di 29 miliardi). Ne saranno contenti i beneficiari dei sistemi di incentivazione delle grandi reti quotate a Piazza Affari, che ogni società è tenuta a identificare in modo esplicito e che debbono essere conformi alla direttiva Ue 2013/36 per la parte attinente alle politiche di remunerazione.

FinecoBank: profumo di bonus per sei
In casa FinecoBank, per esempio, sono tra i destinatari del sistema incentivante 2018 l’amministratore delegato e direttore generale Alessandro Foti e 5 top manager: il vice direttore generale e responsabile direzione global banking services, Fabio Milanesi, il vice direttore generale e responsabile direzione global business, Paolo Di Grazia, il responsabile direzione commerciale rete pfa, Mauro Albanese, il responsabile direzione servizi di investimento e private banking, Carlo Giausa e il chief financial officer, Lorena Pelliciari. Incaricata dell’amministrazione del sistema incentivante 2018 è la funzione human resources, cui spetta anche la formulazione di proposte per la definizione delle politiche retributive di FinecoBank.

Banca Mediolanum: i candidati ai premi
Il piano top management 2018 di Banca Mediolanum vede invece quali potenziali beneficiari l’amministratore delegato, Massimo Doris, l’amministratore delegato di Mediolanum Vita (e consigliere di Banca Mediolanum), Luigi Del Fabbro, gli amministratori delegati di Bankhaus August Lenz (Silvio Cracco), Banco Mediolanum SA (Vittorio Colussi), Mediolanum International Funds (Furio Pietrabiasi) e di Eurocqs (Salvatore Ronzino). Altri potenziali beneficiari sono il direttore generale della banca Gianluca Bosisio e 13 top manager del gruppo con retribuzione superiore a 75mila euro annui. L’amministrazione del piano spetta in questo caso allo stesso consiglio di Banca Mediolanum.

Banca Generali: gratificazioni per quattro big
Per Banca Generali tra i potenziali beneficiari del sistema di incentivazione figurano l’amministratore delegato e direttore generale Gian Maria Mossa, il vice direttore generale wealth management, mercati e prodotti, Andrea Ragaini, il vice direttore generale reti commerciali, canali alternativi e di supporto, Marco Bernardi e l’executive director di BG Fund Management Luxembourg, Marylene Alix. Anche in questo caso amministrare il piano spetta al cda di Banca Generali.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Banca Generali, il futuro è oggi

Rebecchi, Mossa, Foti: il trio meraviglia della procapite

Reti, sforbiciata agli organici

Raccolta 2018: Fideuram cannibale. Mediolanum magica a dicembre

Azimut al top di Piazza Affari. DB promuove le reti

Banca Generali: 3 fasi per la trasformazione digitale

Banca Generali: la ricetta di Mossa per un ponte imprese-investitori

Consulenti, ecco gli incentivi delle reti

Banca Generali, acquisizioni azzeccate

Mifid 2, Mossa di Banca Generali lancia l’allarme

Banca Generali, scatto finale della raccolta

Banca Generali, raccolta a prova di volatilità

Hana to Yama, Banca Generali sposa l’arte a Milano

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

La fee diventa più magra

Le Traiettorie Liquide di Banca Generali

La volatilità non ferma Banca Generali

Banca Generali vince l’oro per la soddisfazione dei clienti

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Banca Generali vince, Banca Mediolanum prima in gestito

Banca Generali prende Nextam Partners

Banca Generali tra le Italian Champions di Equita

Reti ad alto rendimento su Piazza Affari

Le ricette di innovazione di Banca Generali

Il “buy” del consulente – 11/10/18, da Esprinet a Generali

Banca Generali e Candy Crush per le ricette di innovazione

Banca Generali batte la volatilità

Reclutamento, Azimut e Banca Generali al comando

I campioni dei dividendi delle reti

Generali rifà il look al gestito

Generali sfida la resistenza

Il “buy” del consulente – 17/09/18, da Banca Generali a La Doria

Ti può anche interessare

Poste, un esercito di advisor sfiderà le banche

Assunzioni di ben 5mila persone per il collocamento di prodotti finanziari. Il mega piano delle Post ...

Fideuram: 50 anni da numero 1

Storia di un successo: dagli albori di Ios al predominio nel mercato della consulenza finanziaria. ...

Consulenti, i robot sono già qui

Il nuovo quaderno di Consob è incentrato sulla digitalizzazione della consulenza ...