Intesa Sanpaolo, wealth management in chiaroscuro

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 1 Agosto 2018 | 14:45
Una performance che vede, a livello di utile, crescere il private banking e arretrare leggermente il segmento dell’asset management

Sono stati comunicati in data odierna i risultati semestrali (e del secondo trimestre 2018) del gruppo Intesa Sanpaolo. A margine di dati complessivi pienamente in linea con gli obiettivi del Piano di Impresa 2018-2021 (utile netto pari a 927 milioni di euro nel secondo trimestre 2018, rispetto a 1.252 milioni del primo trimestre 2018 e a 837 milioni del secondo trimestre 2017, e a 2.179 milioni nel primo semestre 2018, rispetto ai 1.738 milioni del primo semestre 2017), sicuramente interessante è quanto emerge del wealth management del gruppo, con una performance in chiaroscuro che vede, a livello di utile, crescere il private banking e arretrare leggermente il segmento dell’asset management. Ma entriamo nel dettaglio del comunicato.

La divisione Private Banking serve il segmento di clientela di fascia alta (Private e High Net Worth Individuals) tramite Fideuram e le sue controllate Fideuram Investimenti, Intesa Sanpaolo Private Banking, SIREF Fiduciaria, Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse), Banque Morval e Fideuram Asset Management Ireland. La Divisione Private Banking nel secondo trimestre 2018 registra: – proventi operativi netti per 466 milioni, -4,1% rispetto a 486 milioni del primo trimestre 2018;
– costi operativi per 137 milioni, -4,6% rispetto a 143 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato della gestione operativa di 329 milioni, -4% rispetto a 343 milioni del primo trimestre 2018; – un cost/income ratio al 29,4% rispetto al 29,5% del primo trimestre 2018; – un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 10 milioni, rispetto a 2 milioni del primo trimestre 2018;
– un risultato corrente lordo pari a 320 milioni, -8,4% rispetto a 349 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato netto pari a 219 milioni, -9,2% rispetto a 242 milioni del primo trimestre 2018.

La Divisione Private Banking nel primo semestre 2018 registra:
– proventi operativi netti per 952 milioni, -0,4% rispetto a 956 milioni del primo semestre 2017, pari a circa il 10% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (circa 11% nel primo semestre 2017);
– costi operativi per 280 milioni, -2,1% rispetto a 286 milioni del primo semestre 2017; – un risultato della gestione operativa di 672 milioni, +0,3% rispetto a 670 milioni del primo semestre 2017;
– un cost/income ratio al 29,4% rispetto al 29,9% del primo semestre 2017; – un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 12 milioni, rispetto a 17 milioni del primo semestre 2017;
– un risultato corrente lordo pari a 669 milioni, +2,5% rispetto a 653 milioni del primo semestre 2017; – un risultato netto pari a 461 milioni, +2,4% rispetto a 450 milioni del primo semestre 2017.

La divisione Asset Management fornisce soluzioni di asset management rivolte alla clientela del Gruppo, alle reti commerciali esterne al Gruppo e alla clientela istituzionale tramite Eurizon Capital. Ad Eurizon Capital fanno capo le controllate Eurizon Capital SA (Lussemburgo), specializzata nella gestione di fondi comuni lussemburghesi a basso tracking error, VUB Asset Management (Slovacchia), cui fanno capo l’ungherese CIB IFM e la croata PBZ Invest (polo dell’asset management nell’Est Europa), e Epsilon Associati SGR – specializzata nella gestione attiva di portafoglio e, in particolare, nelle gestioni quantitative e multi strategia con obiettivi di investimento di tipo “total return” – e controllata al 51% da Eurizon Capital e per il restante 49% da Banca IMI, e il 49% della società cinese di asset management Penghua Fund Management. Eurizon Capital detiene inoltre il 20% della società cinese di wealth management Yi Tsai, partecipata al 25% da Fideuram e al 55% dalla Capogruppo Intesa Sanpaolo.

La Divisione Asset Management nel secondo trimestre 2018 registra:
– proventi operativi netti per 179 milioni, -6,7% rispetto a 192 milioni del primo trimestre 2018; – costi operativi per 39 milioni, +0,8% rispetto a 38 milioni del primo trimestre 2018;
– un risultato della gestione operativa di 140 milioni, -8,6% rispetto a 153 milioni del primo trimestre 2018;
– un cost/income ratio al 21,6% rispetto al 20% del primo trimestre 2018;
– un risultato corrente lordo pari a 140 milioni, -8,6% rispetto a 153 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato netto pari a 111 milioni, -7,7% rispetto a 121 milioni del primo trimestre 2018.

La Divisione Asset Management nel primo semestre 2018 registra: – proventi operativi netti per 370milioni, +0,3% rispetto a 369 milioni del primo semestre 2017, pari a circa il 4% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (circa 4% anche nel primo semestre 2017); – costi operativi per 77 milioni, +6,9% rispetto a 72 milioni del primo semestre 2017; – un risultato della gestione operativa di 293 milioni, -1,3% rispetto a 297 milioni del primo semestre 2017; – un cost/income ratio al 20,8% rispetto al 19,5% del primo semestre 2017; – un risultato corrente lordo pari a 293 milioni, -1,3% rispetto a 297 milioni del primo semestre 2017; – un risultato netto pari a 232 milioni, -1,3% rispetto a 235 milioni del primo semestre 2017.

Cliccare qui per il comunicato integrale del bilancio Intesa Sanpaolo del primo semestre 2018

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa raccoglie le ultime briciole di Ubi

Intesa-Ubi, Messina gongola per la vittoria

Intesa Sanpaolo e quel malinteso sul costo degli Etf

Intesa-Ubi, gli ultimi ribelli del no

Intesa-Ubi, battaglia allo sportello (e in Consob)

Intesa-Ubi, c’è il rilancio con cash

IWBank, con il “no” a Intesa un futuro da protagonista

Intesa-Ubi, Consob dà luce verde all’operazione

Addio Banca Imi, benvenuta IMI Corporate & Investment Banking

Intesa Sanpaolo, via libera Ivass all’Ops su Ubi

Banche e reti, quali svettano tra le stelle digitali d’Italia

Intesa Sanpaolo Casa cambia la rete (e si ristruttura)

Intesa, i fondi che hanno detto no

Intesa-Ubi, adesso l’Ops finisce in tribunale

Intesa-Ubi, ci si rivede a settembre

Intesa-Ubi, richiesta la sospensione dell’ops alla Consob

Intesa-Ubi, si accende il faro dell’Antitrust

Il Coronavirus pesa su Intesa

Intesa-Adiconsum, un confronto per semplificare i prestiti

Intesa Sanpaolo, avanti tutta sull’ops per UBI Banca

Intesa-Ubi, che salasso dopo il Coronavirus

Fideuram, i top manager mettono mano al bonus contro il virus

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

Intesa-Ubi, cosa cambia dopo il coronavirus

Intesa Sanpaolo, un premio per chi lavora in filiale

Affare Intesa-Ubi, tutti i punti di forza per gli analisti

Coronavirus, Intesa chiude le filiali nella zona rossa

Ubi: si apre il fronte contro Intesa Sanpaolo e Messina risponde

Intesa-Ubi, Massiah non getta la spugna

Intesa Sanpaolo-Ubi, previste almeno 5 mila uscite di dipendenti

Intesa Sanpaolo, utili a pioggia con fondi e polizze

Intesa Sanpaolo dalla parte delle mamme

Intesa Sanpaolo, la banca arriva in tabaccheria

Ti può anche interessare

Banca Consulia: prima la shopping e poi un nuovo partner

L'istituto guidato da Marangi è prossimo a finalizzare l'acquisto di Unica Sim e nel capitale potre ...

Enasarco e quella domanda che chiede risposta

”Perche’ la Fondazione Enasarco non riconosce la pensione integrativa a chi ha versato ...

Fideuram Ispb: exploit dell’amministrato, la trimestrale ringrazia

Il Consiglio di Amministrazione di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking (Gruppo Intesa Sanpa ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X