Intesa Sanpaolo, wealth management in chiaroscuro

A
A
A

Una performance che vede, a livello di utile, crescere il private banking e arretrare leggermente il segmento dell’asset management

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti1 agosto 2018 | 14:45

Sono stati comunicati in data odierna i risultati semestrali (e del secondo trimestre 2018) del gruppo Intesa Sanpaolo. A margine di dati complessivi pienamente in linea con gli obiettivi del Piano di Impresa 2018-2021 (utile netto pari a 927 milioni di euro nel secondo trimestre 2018, rispetto a 1.252 milioni del primo trimestre 2018 e a 837 milioni del secondo trimestre 2017, e a 2.179 milioni nel primo semestre 2018, rispetto ai 1.738 milioni del primo semestre 2017), sicuramente interessante è quanto emerge del wealth management del gruppo, con una performance in chiaroscuro che vede, a livello di utile, crescere il private banking e arretrare leggermente il segmento dell’asset management. Ma entriamo nel dettaglio del comunicato.

La divisione Private Banking serve il segmento di clientela di fascia alta (Private e High Net Worth Individuals) tramite Fideuram e le sue controllate Fideuram Investimenti, Intesa Sanpaolo Private Banking, SIREF Fiduciaria, Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse), Banque Morval e Fideuram Asset Management Ireland. La Divisione Private Banking nel secondo trimestre 2018 registra: – proventi operativi netti per 466 milioni, -4,1% rispetto a 486 milioni del primo trimestre 2018;
– costi operativi per 137 milioni, -4,6% rispetto a 143 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato della gestione operativa di 329 milioni, -4% rispetto a 343 milioni del primo trimestre 2018; – un cost/income ratio al 29,4% rispetto al 29,5% del primo trimestre 2018; – un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 10 milioni, rispetto a 2 milioni del primo trimestre 2018;
– un risultato corrente lordo pari a 320 milioni, -8,4% rispetto a 349 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato netto pari a 219 milioni, -9,2% rispetto a 242 milioni del primo trimestre 2018.

La Divisione Private Banking nel primo semestre 2018 registra:
– proventi operativi netti per 952 milioni, -0,4% rispetto a 956 milioni del primo semestre 2017, pari a circa il 10% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (circa 11% nel primo semestre 2017);
– costi operativi per 280 milioni, -2,1% rispetto a 286 milioni del primo semestre 2017; – un risultato della gestione operativa di 672 milioni, +0,3% rispetto a 670 milioni del primo semestre 2017;
– un cost/income ratio al 29,4% rispetto al 29,9% del primo semestre 2017; – un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 12 milioni, rispetto a 17 milioni del primo semestre 2017;
– un risultato corrente lordo pari a 669 milioni, +2,5% rispetto a 653 milioni del primo semestre 2017; – un risultato netto pari a 461 milioni, +2,4% rispetto a 450 milioni del primo semestre 2017.

La divisione Asset Management fornisce soluzioni di asset management rivolte alla clientela del Gruppo, alle reti commerciali esterne al Gruppo e alla clientela istituzionale tramite Eurizon Capital. Ad Eurizon Capital fanno capo le controllate Eurizon Capital SA (Lussemburgo), specializzata nella gestione di fondi comuni lussemburghesi a basso tracking error, VUB Asset Management (Slovacchia), cui fanno capo l’ungherese CIB IFM e la croata PBZ Invest (polo dell’asset management nell’Est Europa), e Epsilon Associati SGR – specializzata nella gestione attiva di portafoglio e, in particolare, nelle gestioni quantitative e multi strategia con obiettivi di investimento di tipo “total return” – e controllata al 51% da Eurizon Capital e per il restante 49% da Banca IMI, e il 49% della società cinese di asset management Penghua Fund Management. Eurizon Capital detiene inoltre il 20% della società cinese di wealth management Yi Tsai, partecipata al 25% da Fideuram e al 55% dalla Capogruppo Intesa Sanpaolo.

La Divisione Asset Management nel secondo trimestre 2018 registra:
– proventi operativi netti per 179 milioni, -6,7% rispetto a 192 milioni del primo trimestre 2018; – costi operativi per 39 milioni, +0,8% rispetto a 38 milioni del primo trimestre 2018;
– un risultato della gestione operativa di 140 milioni, -8,6% rispetto a 153 milioni del primo trimestre 2018;
– un cost/income ratio al 21,6% rispetto al 20% del primo trimestre 2018;
– un risultato corrente lordo pari a 140 milioni, -8,6% rispetto a 153 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato netto pari a 111 milioni, -7,7% rispetto a 121 milioni del primo trimestre 2018.

La Divisione Asset Management nel primo semestre 2018 registra: – proventi operativi netti per 370milioni, +0,3% rispetto a 369 milioni del primo semestre 2017, pari a circa il 4% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (circa 4% anche nel primo semestre 2017); – costi operativi per 77 milioni, +6,9% rispetto a 72 milioni del primo semestre 2017; – un risultato della gestione operativa di 293 milioni, -1,3% rispetto a 297 milioni del primo semestre 2017; – un cost/income ratio al 20,8% rispetto al 19,5% del primo semestre 2017; – un risultato corrente lordo pari a 293 milioni, -1,3% rispetto a 297 milioni del primo semestre 2017; – un risultato netto pari a 232 milioni, -1,3% rispetto a 235 milioni del primo semestre 2017.

Cliccare qui per il comunicato integrale del bilancio Intesa Sanpaolo del primo semestre 2018


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Reti, Banca Consulia tratta con Unica Sim

Banca Generali e la festa dei bambini a Citylife

CheBanca!, reclutamento senza sosta

Reti, ora la fee è (quasi) una certezza

Banche, l’Italia è un modello virtuoso

BlackRock-Carige, niente nuovi esuberi

Fineco si gode private banking e indipendenza

Banche, la politica ammazza l’utile

Dossier reclutamento – Widiba

Dossier reclutamento – IWBank PI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Ti può anche interessare

ConsulenTia19 svela i primi numeri

Educazione finanziaria al centro con il decennale di economic@mente ...

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

La preoccupazione dell'ad di Mediobanca per l’attuale contesto economico del Bel Paese ...

Anasf, prosegue Pianifica la Mente

Prosegue il ciclo d’incontri di “Pianifica la Mente”, il nuovo progetto di alfabetizzazione f ...