Intesa Sanpaolo, wealth management in chiaroscuro

A
A
A

Una performance che vede, a livello di utile, crescere il private banking e arretrare leggermente il segmento dell’asset management

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti1 agosto 2018 | 14:45

Sono stati comunicati in data odierna i risultati semestrali (e del secondo trimestre 2018) del gruppo Intesa Sanpaolo. A margine di dati complessivi pienamente in linea con gli obiettivi del Piano di Impresa 2018-2021 (utile netto pari a 927 milioni di euro nel secondo trimestre 2018, rispetto a 1.252 milioni del primo trimestre 2018 e a 837 milioni del secondo trimestre 2017, e a 2.179 milioni nel primo semestre 2018, rispetto ai 1.738 milioni del primo semestre 2017), sicuramente interessante è quanto emerge del wealth management del gruppo, con una performance in chiaroscuro che vede, a livello di utile, crescere il private banking e arretrare leggermente il segmento dell’asset management. Ma entriamo nel dettaglio del comunicato.

La divisione Private Banking serve il segmento di clientela di fascia alta (Private e High Net Worth Individuals) tramite Fideuram e le sue controllate Fideuram Investimenti, Intesa Sanpaolo Private Banking, SIREF Fiduciaria, Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse), Banque Morval e Fideuram Asset Management Ireland. La Divisione Private Banking nel secondo trimestre 2018 registra: – proventi operativi netti per 466 milioni, -4,1% rispetto a 486 milioni del primo trimestre 2018;
– costi operativi per 137 milioni, -4,6% rispetto a 143 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato della gestione operativa di 329 milioni, -4% rispetto a 343 milioni del primo trimestre 2018; – un cost/income ratio al 29,4% rispetto al 29,5% del primo trimestre 2018; – un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 10 milioni, rispetto a 2 milioni del primo trimestre 2018;
– un risultato corrente lordo pari a 320 milioni, -8,4% rispetto a 349 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato netto pari a 219 milioni, -9,2% rispetto a 242 milioni del primo trimestre 2018.

La Divisione Private Banking nel primo semestre 2018 registra:
– proventi operativi netti per 952 milioni, -0,4% rispetto a 956 milioni del primo semestre 2017, pari a circa il 10% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (circa 11% nel primo semestre 2017);
– costi operativi per 280 milioni, -2,1% rispetto a 286 milioni del primo semestre 2017; – un risultato della gestione operativa di 672 milioni, +0,3% rispetto a 670 milioni del primo semestre 2017;
– un cost/income ratio al 29,4% rispetto al 29,9% del primo semestre 2017; – un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 12 milioni, rispetto a 17 milioni del primo semestre 2017;
– un risultato corrente lordo pari a 669 milioni, +2,5% rispetto a 653 milioni del primo semestre 2017; – un risultato netto pari a 461 milioni, +2,4% rispetto a 450 milioni del primo semestre 2017.

La divisione Asset Management fornisce soluzioni di asset management rivolte alla clientela del Gruppo, alle reti commerciali esterne al Gruppo e alla clientela istituzionale tramite Eurizon Capital. Ad Eurizon Capital fanno capo le controllate Eurizon Capital SA (Lussemburgo), specializzata nella gestione di fondi comuni lussemburghesi a basso tracking error, VUB Asset Management (Slovacchia), cui fanno capo l’ungherese CIB IFM e la croata PBZ Invest (polo dell’asset management nell’Est Europa), e Epsilon Associati SGR – specializzata nella gestione attiva di portafoglio e, in particolare, nelle gestioni quantitative e multi strategia con obiettivi di investimento di tipo “total return” – e controllata al 51% da Eurizon Capital e per il restante 49% da Banca IMI, e il 49% della società cinese di asset management Penghua Fund Management. Eurizon Capital detiene inoltre il 20% della società cinese di wealth management Yi Tsai, partecipata al 25% da Fideuram e al 55% dalla Capogruppo Intesa Sanpaolo.

La Divisione Asset Management nel secondo trimestre 2018 registra:
– proventi operativi netti per 179 milioni, -6,7% rispetto a 192 milioni del primo trimestre 2018; – costi operativi per 39 milioni, +0,8% rispetto a 38 milioni del primo trimestre 2018;
– un risultato della gestione operativa di 140 milioni, -8,6% rispetto a 153 milioni del primo trimestre 2018;
– un cost/income ratio al 21,6% rispetto al 20% del primo trimestre 2018;
– un risultato corrente lordo pari a 140 milioni, -8,6% rispetto a 153 milioni del primo trimestre 2018; – un risultato netto pari a 111 milioni, -7,7% rispetto a 121 milioni del primo trimestre 2018.

La Divisione Asset Management nel primo semestre 2018 registra: – proventi operativi netti per 370milioni, +0,3% rispetto a 369 milioni del primo semestre 2017, pari a circa il 4% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (circa 4% anche nel primo semestre 2017); – costi operativi per 77 milioni, +6,9% rispetto a 72 milioni del primo semestre 2017; – un risultato della gestione operativa di 293 milioni, -1,3% rispetto a 297 milioni del primo semestre 2017; – un cost/income ratio al 20,8% rispetto al 19,5% del primo semestre 2017; – un risultato corrente lordo pari a 293 milioni, -1,3% rispetto a 297 milioni del primo semestre 2017; – un risultato netto pari a 232 milioni, -1,3% rispetto a 235 milioni del primo semestre 2017.

Cliccare qui per il comunicato integrale del bilancio Intesa Sanpaolo del primo semestre 2018


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Bluerating Awards: il videomessaggio di Foti ai consulenti

Fideuram ISPB, Longo guiderà l’hub svizzero

Private Banking Awards, ecco i premiati

Private banking, la grande onda è in arrivo

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Manovra, le banche rimbalzano in borsa

Mediolanum, Doris passa il testimone ai figli

MCU, un nuovo viaggio attraverso la luce

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Fideuram, l’utile è in calo

Etf: le banche europee esposte per 140 miliardi

Frode fiscale: indagati 18 manager di Privat Kredit Bank

Una sola delibera e doppia radiazione di ex Finanza & Futuro

Le Traiettorie Liquide di Banca Generali

Societe Generale, talent scout nel fintech

Manovra, il governo cerca una difficile pace con la Commissione

Ti può anche interessare

Lo spread fa salire i costi dei mutui

Il costo del finanziamento per le banche è in crescita e diversi istituti ritoccano all’insù gl ...

Mifid 2, i costi (salati) della direttiva

Un’analisi di Giuseppe De Lucia Lumeno (Assopopolari) sugli effetti delle nuove normative comunita ...

Consulenti, la guida sulle pensioni

Pubblicato online dall'Anasf un vademecum per destreggiarsi tra i contributi Inps ed Enasarco ...