Consob, Nava sotto tiro del governo

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 3 Agosto 2018 | 11:00
L’escutivo ha chiesto chiarimenti sull’incompatibilità del presidente dell’Authority. Ma, per il Sole 24Ore, la sua posizione è difficilmente attaccabile.

Per il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, non sarà facile trovare un appiglio per mandare via Mario Nava (nella foto), n. 1 della Consob. E’ quanto scrive oggi Il Sole24Ore dopo che il governo ha chiesto un parere sulla eventuale incompatibilità della posizione di Nava con il suo attuale incarico. Il presidente della Consob, infatti, non ha chiesto l’aspettativa né si è dimesso dal precedente incarico di dipendente della Commissione europea ma ha chiesto esclusivamente un distacco. Cosa che, per il governo, potrebbe rendere  appunto la posizione  di Nava incompatibile con l’attuale compito. Tuttavia, secondo il Sole24Ore, dal punto di vista formale Nava non è facilmente attaccabile. Il presidente della Consob, in base a quanto rilevato ad aprile dall’avvocato dell’authority Fabio Biagianti, non avrebbe infatti chiesto un distacco, che non è previsto dall’ordinamento ma si sarebbe messo in una posizione diversa, che tecnicamente viene definita di “comando” . Inoltre, sempre secondo quanto spiega il Sole24Ore il compito di revocare l’incarico a Nava non spetta comunque al governo ma al presidente della Repubblica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti SRI e digitale, questi trend sconosciuti (in Italia)

Consulenza, crescita in doppia cifra con la pandemia

Truffe, i consigli di Consob per non finire come Conte

NEWSLETTER
Iscriviti
X