Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

A
A
A

Il trimestre è superiore al consensus, ma inferiore a quello 2017

di Redazione7 agosto 2018 | 12:23

Tempo di conti in casa Unicredit. Come riportato dall’agenzia Reuters, la società chiude il secondo trimestre del 2018 con un utile netto di 1 miliardo, in calo del 13,3% sul secondo trimestre 2017 rettificato ma sopra il consensus fornito dalla banca di 975 milioni.

L’impatto delle turbolenze sui titoli di stato, già registrato per altri istituti di credito e assicurazioni, si è fatto sentire anche sui conti della banca, con il CET1 calato di 56 punti base a 12,51%, 30 dovuti all’effetto Btp.

La banca conferma tutti i target 2018 e 2019, se lo spread si manterrà sugli attuali livelli, ha detto il Ceo Jean Pierre Mustier.

Il Cet1 ratio fully loaded di gruppo è confermato tra il 12,3% e il 12,6% alla fine del 2018 e al di sopra del 12,5% alla fine del 2019, agli attuali livelli di spread sui Btp, precisa la nota della banca.

Keefe, Bruyette & Woods parla in un report di utile netto sopra il consensus ma di una crescita dei rwa che incide sul Cet1. Anche Jefferies, che cita anche la sorpresa positiva della riduzione degli Npl, segnala un capitale più debole delle attese.

I ricavi totali scendono a 4,9 miliardi di euro (-4,3% anno). Sul dato, si legge nella nota, influiscono minori ricavi dall’attività di negoziazione e il rilascio positivo per 90 mln di un accantonamento fiscale nel margine di interesse nel secondo trimestre 2017.

Il margine di interesse si attesta a 2,7 miliardi, in crescita di 1,6% annuo, le commissioni scendono di 0,3% a 1,7 miliardi.

Gli impieghi salgono di 9 miliardi nel group core, le vendite nette di asset under management totalizzano 3,2 miliardi.

I costi scendono di 7,0% a 2,7 miliardi grazie alla riduzione di filiali e personale in anticipo rispetto al piano.

Nel secondo trimestre il rapporto tra crediti deteriorati lordi e impieghi è migliorato a 8,7% da 9,5% a fine marzo con una copertura del 60,9% (60,3% a fine marzo). Le sofferenze sono coperte al 73,5% (era 70% a fine marzo), le inadempienze probabili al 45,1% (44,1%).

Le esposizioni lorde non core scendono a 22,2 miliardi, con un target a fine 2018 di 19 miliardi, con un target di cessioni di 2 miliardi a fine 2018.

A margine della presentazione dei dati Jean Pierre Mustier, ad della società, non ha escluso una crescita tramite fusioni e acquisizioni (ma difficilmente saranno transnazionali, fa capire il manager in conference call) nel prossimo piano che verrà presentato entro la fine del prossimo anno, ha comunque confermato che l’istituto è in grado di raggiungere tutti i target 2018 e 2019, se lo spread si manterrà sugli attuali livelli. In particolare il Cet1 ratio fully loaded di gruppo è confermato tra il 12,3% e il 12,6% a fine 2018 e sopra il 12,5% a fine 2019, agli attuali livelli di spread sui Btp, si legge in una nota della banca.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Bluerating Awards: il videomessaggio di Foti ai consulenti

Fideuram ISPB, Longo guiderà l’hub svizzero

Private Banking Awards, ecco i premiati

Private banking, la grande onda è in arrivo

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Manovra, le banche rimbalzano in borsa

Mediolanum, Doris passa il testimone ai figli

MCU, un nuovo viaggio attraverso la luce

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Fideuram, l’utile è in calo

Etf: le banche europee esposte per 140 miliardi

Frode fiscale: indagati 18 manager di Privat Kredit Bank

Una sola delibera e doppia radiazione di ex Finanza & Futuro

Le Traiettorie Liquide di Banca Generali

Ti può anche interessare

La scure della Consob su padre e figlio

Il provvedimento è stato disposto nei confronti dei signori Salvatore e Amedeo Serpe, già in forze ...

Cari cf, per avere successo ispiratevi ai samurai

Lealtà, pratica, allenamento e sacrifici. I valori dei guerrieri giapponesi utili anche per conquis ...

Vegagest, così alle Poste vendevano i fondi immobiliari

L’Aduc ricostruisce le vicende di collocamento dei prodotti che risalgono al 2004, quando il grupp ...