Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

A
A
A

Il trimestre è superiore al consensus, ma inferiore a quello 2017

Avatar di Redazione7 agosto 2018 | 12:23

Tempo di conti in casa Unicredit. Come riportato dall’agenzia Reuters, la società chiude il secondo trimestre del 2018 con un utile netto di 1 miliardo, in calo del 13,3% sul secondo trimestre 2017 rettificato ma sopra il consensus fornito dalla banca di 975 milioni.

L’impatto delle turbolenze sui titoli di stato, già registrato per altri istituti di credito e assicurazioni, si è fatto sentire anche sui conti della banca, con il CET1 calato di 56 punti base a 12,51%, 30 dovuti all’effetto Btp.

La banca conferma tutti i target 2018 e 2019, se lo spread si manterrà sugli attuali livelli, ha detto il Ceo Jean Pierre Mustier.

Il Cet1 ratio fully loaded di gruppo è confermato tra il 12,3% e il 12,6% alla fine del 2018 e al di sopra del 12,5% alla fine del 2019, agli attuali livelli di spread sui Btp, precisa la nota della banca.

Keefe, Bruyette & Woods parla in un report di utile netto sopra il consensus ma di una crescita dei rwa che incide sul Cet1. Anche Jefferies, che cita anche la sorpresa positiva della riduzione degli Npl, segnala un capitale più debole delle attese.

I ricavi totali scendono a 4,9 miliardi di euro (-4,3% anno). Sul dato, si legge nella nota, influiscono minori ricavi dall’attività di negoziazione e il rilascio positivo per 90 mln di un accantonamento fiscale nel margine di interesse nel secondo trimestre 2017.

Il margine di interesse si attesta a 2,7 miliardi, in crescita di 1,6% annuo, le commissioni scendono di 0,3% a 1,7 miliardi.

Gli impieghi salgono di 9 miliardi nel group core, le vendite nette di asset under management totalizzano 3,2 miliardi.

I costi scendono di 7,0% a 2,7 miliardi grazie alla riduzione di filiali e personale in anticipo rispetto al piano.

Nel secondo trimestre il rapporto tra crediti deteriorati lordi e impieghi è migliorato a 8,7% da 9,5% a fine marzo con una copertura del 60,9% (60,3% a fine marzo). Le sofferenze sono coperte al 73,5% (era 70% a fine marzo), le inadempienze probabili al 45,1% (44,1%).

Le esposizioni lorde non core scendono a 22,2 miliardi, con un target a fine 2018 di 19 miliardi, con un target di cessioni di 2 miliardi a fine 2018.

A margine della presentazione dei dati Jean Pierre Mustier, ad della società, non ha escluso una crescita tramite fusioni e acquisizioni (ma difficilmente saranno transnazionali, fa capire il manager in conference call) nel prossimo piano che verrà presentato entro la fine del prossimo anno, ha comunque confermato che l’istituto è in grado di raggiungere tutti i target 2018 e 2019, se lo spread si manterrà sugli attuali livelli. In particolare il Cet1 ratio fully loaded di gruppo è confermato tra il 12,3% e il 12,6% a fine 2018 e sopra il 12,5% a fine 2019, agli attuali livelli di spread sui Btp, si legge in una nota della banca.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Mediolanum, raccolta più forte del blocco Pir

Finanziaria Familiare diventa IBL Family

Allianz, un viaggio da record

Banca Progetto, ingresso d’autore per la banca digitale

Copernico Sim, appuntamento a Mantova

Deutsche Bank Wealth Management va di corsa

Ubi Banca, un Welfare da premiare

Banche, cura dimagrante a base di esuberi

La consulenza sa commuovere…me lo dice un bonsai

Ubi Banca, viva la Vidas

Deutsche Bank FA e Capital Group, nuovi fondi per i consulenti

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Credit Suisse AM

Obbligazioni, SocGen: nuova obbligazione SG Positive Impact Finance

Oggi su BLUERATING NEWS: BlueAcademy, la convention di Allianz Bank FA

Superpopolare al bivio della megafusione

Ti può anche interessare

Burgalassi (Slp-Cisl): “Troppe pressioni commerciali alle Poste”

Duro comunicato del leader sindacale sui comportamenti della dirigenza aziendale verso i dipendenti. ...

Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

“La crisi finanziaria, nata in America più di dieci anni fa e poi propagatasi in Europa, ha dimez ...

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Le parole della guida di Ubi Banca ...