Vigilanza, la linea morbida della Bce

A
A
A

Sugli Npl la Vigilanza dell’Eurotower introduce il concetto di valutazione caso per caso

di Redazione10 agosto 2018 | 10:03

Nelle scorse settimane, dopo mesi di discussioni, la Vigilanza della Banca centrale europea ha finalmente comunicato la linea che sarà adottata sulle coperture relative agli stock di Npl, una linea molto più morbida rispetto a quella rigida introdotta con l’addendum sui flussi di nuovi crediti deteriorati contabilizzati dallo scorso mese di aprile.

Stop a Francia e Germania
L’approccio previsto dalla Vigilanza della Bce viene incontro ad alcune delle esigenze espresse dal sistema bancario italiano, introducendo il concetto della singola valutazione caso per caso, quindi tenendo conto delle specificità di ciascuna banca e del contesto economico e finanziario in cui si opera, e non considerando invece le richieste di Francia e Germania, che premevano per l’introduzione di un limite del 5% e del 2,5% rispettivamente per i crediti deteriorati lordi e netti in rapporto agli impieghi totali. Notizie positive quindi per il sistema bancario nel suo complesso, se consideriamo che la proposta di addendum sui nuovi Npl prevede una copertura al 100% dopo due anni per quelli non garantiti e una compresa tra il 40% e il 100% entro sette anni per quelli garantiti e che una estensione di tale regola agli stock pregressi avrebbe portato oneri ulteriori con ripercussioni sul credito erogato.

Impegno sul territorio
Notizie positive soprattutto per gli istituti di credito maggiormente dediti al sostegno dell’economia reale. Per il loro impegno in favore dei territori e delle economie locali queste banche hanno visto aumentare il peso delle partite problematiche all’interno dei loro bilanci. Un’incidenza, quella degli Npl, che però negli ultimi anni si è rapidamente abbassata, grazie agli sforzi portati avanti dalle banche attraverso importanti operazioni di cartolarizzazione, con gli istituti più in prima linea nell’azione anticiclica di contrasto alla crisi, come le banche popolari, che hanno registrato un costo del rischio (misurato dal rapporto tra il flusso di rettifiche e la consistenza media dei prestiti, n.d.r) pari a 71 punti base. Il dato medio per le altre banche supera i 100 punti base, accompagnato da una migliore efficienza operativa, misurata dal cost-income ratio (rapporto tra costi operativi e margine d’intermediazione) pari al 64,8%, quasi cinque punti percentuali inferiore al dato delle banche società per azioni. Porre attenzione sulla centralità che le banche del territorio rappresentano, non solo per gli stakeholder ma anche per le famiglie e per le imprese della zona, è un requisito essenziale per promuovere veramente quella stabilità tanto invocata a parole ma che nei fatti si è tradotta spesso in una serie di vincoli che hanno coinvolto per lo più le banche di tipo tradizionale, modificando le possibilità di una sana e costruttiva concorrenza tra gli intermediari. u Segnali incoraggianti Significa favorire quello sviluppo e quella crescita economica che solo recentemente, dopo anni di stagnazione e di recessione, sta mostrando segnali incoraggianti, malgrado un quadro politico incerto. Le banche italiane hanno dimostrato, già nei mesi passati, di essere riuscite a ridurre il peso degli Npl in misura significativa facendosi trovare pronte all’appuntamento con le nuove disposizioni di vigilanza. Le decisioni prese a Francoforte dimostrano, ancora una volta, come sia possibile venire incontro alle esigenze di tutti e come questo non solo sia auspicabile ma sia anche la soluzione più efficace per un’unione bancaria che potrà trarre forza solo dalla varietà degli istituti chiamati a farne parte.

Articolo a cura di Giuseppe De Lucia Lumeno, segretario generale di Assopopolari


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Intesa Sanpaolo, un nuovo contratto per bancari e consulenti

Ti può anche interessare

Consulenza, non è mai troppo tardi per imparare

Una nuova soluzione per approfondire la preparazione in materia di gestione del patrimonio ...

Società abusive, tutti gli allerta dall’estero

Le autorità di vigilanza di Regno Unito (Financial Conduct Authority – Fca),  Svizzera (Swis ...

Un’altra bandiera per Finanza e Futuro

La società inaugura il terzo flagship store di Milano, in zona Pagano ...