L’inutilità delle fusioni bancarie

A
A
A

Per Lando Maria Sileoni, segretario generale di Fabi, non c’è più bisogno di aggregazioni. Il sistema italiano funziona bene così

di Redazione14 agosto 2018 | 09:10

In un periodo dove le notizie che riguardano M&A sembrano essere all’ordine del giorno, è interessante leggere le valutazioni di Lando Maria Sileoni, segretario generale di Fabi, apparse quest’oggi su MF in un’intervista a cura di Mauro Romano. Sileone evidenzia la poca utilità attuale delle fusioni bancarie, dato il buono stato di salute degli istituti tricolore. E fa una proposta all’Abi per il nuovo contratto. Ecco di seguito alcuni passaggi particolarmente significativi.

“Oggi il sistema è tripartito. Due colossi del credito Intesa e Unicredit: un plotone di banche medie e la rete delle banche del territorio, poi le bcc. Intesa e Unicredit sono nella serie A europea da tempo e ci rimarranno: fanno insieme metà del mercato dei prestiti a famiglie e imprese, metà dell’attivo bancario del Paese. In scala europea sono ben posizionate e superano per qualità delle performance i colossi tedeschi e inglesi”.

“Le fusioni a tutti i costi sono un errore strategico. Analisti, osservatori e regolatori spingono per un’ondata di fusioni tra le banche sotto la taglia dei due big del credito. Il modello è quello europeo. Pochi grandi banche universali come in Francia, Spagna e Gran Bretagna. Ma è una visione da capitalismo anglosassone puntato tutto sull’efficienza, sulle economie di scala e sui tagli di costo. In sintesi pochi grandi oligopoli tesi solo alla profittabilità. Questo accontenta gli azionisti ma non i lavoratori e il rapporto con la clientela”.

“Il sistema produttivo italiano è frammentato e molto dipendente dal credito bancario. Il 90% dell’industria italiana è fatto di piccole e medie imprese con pochi milioni di euro di fatturato. Il rapporto con questi clienti è personalizzato da chi li conosce. Immaginate un colosso del credito con mille miliardi di attivo che si occupa del merito di credito di miriadi di aziende con pochi milioni di euro di fatturato. Quel cliente non sarà seguito e sarà abbandonato a se stesso. Solo le banche che stanno sul territorio hanno capacità e conoscenza per seguirli. Il modello delle mega-aggregazioni sarebbe un danno per il Paese. L’intervento del Governo rispetto alle banche di credito cooperativo è positivo”.

“Abbiamo una proposta anche sul metodo delle trattative (rinnovo del contratto nazionale di lavoro n.d.r.): chiederemo che tutte le sedute del negoziato siano videoregistrate e accessibili ai diretti interessati. Così gli impegni presi tutti insieme, non potranno essere smentiti appena usciti dalla porta. Tutte le sedute dei Consigli comunali, dei Consigli regionali, dei cda delle banche vengono registrate e non capisco perché non si possa fare lo stesso in Abi. Sono curioso di vedere chi accetterà questa proposta e chi si tirerà indietro”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza: offrire “valore” al cliente

Ing scatta sull’innovazione

Questionario Mifid 2, Bufi (Anasf) punzecchia Patuelli (Abi) su Twitter

Il presidente Abi a Mediolanum Channel: “Il questionario Mifid 2? Compilatelo da soli”.

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche e assicurazioni, come cambia il mercato

Bancari, stipendi sempre più magri

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Sindacato e banche a confronto sulla rivoluzione del settore

Funding & Capital Markets Forum, big del credito a raccolta a Milano

Funding & Capital Markets Forum, super evento Abi a Milano

Bancari e consulenti finanziari, cresce l’ipotesi di un contratto unico

Abi, sofferenze in calo per le banche italiane

Banche, il governo apre alla lista Patuelli

Meno sofferenze per le banche italiane

ItAgile presenta DocuSign Payments: il nuovo modo di firmare e pagare in digitale

Banche, chiuse mille filiali dall’inizio dell’anno

Prospetti informativi, l’Abi sollecita la Consob: “Pubblicate la raccomandazione”

Patuelli (Abi): “Gli stress test sono astrusi”

Sistemi di pagamento, banche e Fintech: il mercato italiano

Patuelli (Abi): “Il bail-in è incostituzionale”

Sileoni (Fabi): “Pronti allo sciopero contro i licenziamenti nelle banche”

A Invest Banca il premio Abi per l’innovazione nei servizi bancari

Abi, sofferenze a 201 miliardi

Abi: primi otto mesi dell’anno positivi per prestiti e mutui

Abi, credito alle imprese in salita del 16%

Promotori, parte la battaglia-contratto

Abi, Profumo conferma: ripreso il dialogo con i sindacati sul contratto

Promotori, è ufficiale: Federpromm si affilia alla Uilca

PHOTOGALLERY – Abi Palazzi aperti, ecco le sedi storiche da visitare

Contratto bancari, sindacati inferociti: i top manager ingrassano

Mobile banking, sempre più italiani usano le app delle banche

PHOTOGALLERY: Abi conferma Patuelli alla presidenza, Nicastro e Valeri tra i vice

Ti può anche interessare

Portafoglio medio, gli IWBank crescono di più sui 3 mesi

Sorpresa nel perimetro Assoreti, i cf in forza all’istituto guidato dal d.g. Andrea Pennacchia sup ...

Foti (Fineco): “Ecco come vinceremo le sfide di Mifid 2”

Miglioramento dei prodotti, efficienza operativa e maggiore produttività dei consulenti finanziari, ...

Banco Bpm, anche Passera in lizza per gli npl

Cinque pretendenti per rilevare i crediti sofferenti della banca. ...