Consulenti, linee guida d’autunno

A
A
A

Da Esma le indicazioni su Mifid 2

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti14 agosto 2018 | 09:46

Il 28 maggio Esma ha pubblicato le linee guida sulla valutazione di adeguatezza nella Mifid 2, indicazioni che prendono il posto delle precedenti, datate 2012. La pubblicazione del documento finale segue un processo di consultazione, avviato il 13 luglio 2017, in cui sono state ricevute 53 risposte da parte di diversi stakeholder europei, associazioni di categoria comprese. Per cercare di comprendere al meglio quali siano i temi chiave evidenziati dall’autorità abbiamo chiesto aiuto a Massimo Scolari (nella foto), presidente di Ascosim, associazione nazionale delle società di consulenza finanziaria.

Quali sono le maggiori novità contenute nelle linee guida?
Gli elementi a mio avviso più significativi riguardano appunto gli approfondimenti in merito all’applicazione di alcune norme contenute in Mifid 2: si pensi per esempio all’obbligo di valutare, prima di effettuare raccomandazioni d’investimento alla clientela retail, i costi e il livello di complessità di prodotti finanziari equivalenti; oppure alla norma che prevede l’obbligo di analizzare i costi e i benefici delle operazioni di switch di portafoglio. Si tratta di innovazioni presenti nella direttiva per le quali Esma ha voluto fornire utili indicazioni di carattere applicativo. Un ulteriore elemento di novità riguarda le raccomandazioni che vengono rivolte alle imprese d’investimento che svolgono servizi di consulenza o gestione con modalità digitale e automatizzata, i robo advisor. Su questo tema Esma ha introdotto alcune linee guida specifiche che riguardano questa tipologia di operatori. Infine, coerentemente con i programmi della Commissione Europea, è stato posto l’accento sulla necessità di raccogliere informazioni ai fini della valutazione di adeguatezza anche sulle preferenze degli investitori in tema di investimenti responsabili Esg.

È prevedibile un forte impatto sulle procedure e sui sistemi informatici degli intermediari?
Per alcuni aspetti non rappresentano una novità assoluta rispetto a quelle del 2012. Quindi gli intermediari che avevano allora attuato i necessari adeguamenti non dovrebbero evidenziare impatti significativi. Per altri elementi del processo di valutazione di adeguatezza gli interventi sulle procedure saranno più sostanziali, come sui temi già accennati dei prodotti equivalenti, degli switch e delle registrazioni.

Quando entreranno in vigore le nuove indicazioni?
Il processo prevede, dopo la pubblicazione del rapporto finale in lingua inglese, la pubblicazione sul sito dell’Esma del documento tradotto nelle lingue nazionali. Da quel momento le autorità competenti nazionali, in Italia la Consob, hanno 60 giorni di tempo per deliberare la conformità alle linee guida che diventano a quel punto pienamente operative e quindi da osservare da parte degli intermediari italiani. È prevedibile quindi che l’effettiva entrata in vigore avverrà nei mesi autunnali


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram e SPI, mirino puntato sul centro Nord

Consulenti, parte la guerra alle pressioni commerciali

Cf Webinars, come prepararsi al nuovo anno

Efpa sceglie la Mole

Consulenti, ecco come investire alla velocità del 5G

Limbo iscrizioni per i fee only, interpretare la legge per superarlo

La fotostory dei Bluerating Awards

Presunti prelievi dai conti dei clienti e non solo, arriva la sospensione cautelare

Autonomi ai blocchi di partenza, sperando nel buonsenso

Consulenti: Ocf vive un momento storico

Domani è day 1 della consulenza indipendente

Advice a parcella, parte tutto dalla fiducia

Bluerating Awards, ecco i campioni della consulenza

I CF Webinars in diretta dall’ITForum di Milano

Consulenti, immaginatevi il black friday della parcella

Consulenti: 8 libri per non perdere la bussola sui mercati

Ma ‘ndo vai se l’iscrizione all’Albo non ce l’hai

L’alba del Nuovo Albo

Consulenti, in Gran Bretagna è boom della robo advisory

Consulenti, ascoltate il cliente o cambiate mestiere

Reclutamento: Rebecchi schiera l’11

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Credem cresce sotto la Madonnina

Il “buy” del consulente – 30/10/18

Consulente imputato, Consob lo sospende

Consulenza, la (non) beata ignoranza dei costi

Consob, consulente cancellata e poi radiata

Albo consulenti, Ocf comunica la deadline per chi vuole uscirne

ConsulenTia Napoli, rivivi le emozioni

Consulenti, essere advisor dell’intero patrimonio

Le banche faranno i conti con i consulenti

Bonifico disconosciuto dai clienti, sospeso ex Fineco

Il “buy” del consulente – 22/10/18, da Digitouch a StM

Ti può anche interessare

Consulenza, la correttezza dell’informazione è essenziale

Il risparmiatore ha diritto che la pubblicità dei prodotti finanziari sia conforme alla normativa ...

Intesa Sanpaolo, giri di poltrone nell’investment banking

Ruggieri nominato responsabile della Direzione Global Corporate ...

Obbligare al bonifico per pagare scuola calcio o palestra? Violata la norma sui pagamenti in contanti

Domanda. Un cliente mi ha segnalato di essersi recato a pagare la quota di iscrizione alla Associazi ...